FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Chi è Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato

Classe 1946, è la prima donna nella storia repubblicana a ricoprire la seconda carica dello Stato

Maria Elisabetta Alberti Casellati, classe 1946, è il nuovo presidente del Senato, prima donna nella storia repubblicana a ricoprire la seconda carica dello Stato. Candidata dal Centrodestra, la sua nomina è stata appoggiata anche dal Movimento 5 Stelle.

Casellati, la fotostoria: dagli inizi in Forza Italia allʼincarico esplorativo

Nata a Rovigo, è laureata in giurisprudenza e in diritto canonico alla Pontificia Università Lateranense ed è iscritta all'Ordine degli avvocati di Padova. Per quanto riguarda la carriera politica, è stata sottosegretario alla Salute e alla Giustizia in tre legislature targate Silvio Berlusconi.

Fedelissima del leader di Forza Italia, la Casellati ha aderito a Forza Italia fin dalla sua fondazione. E' stata componente del Collegio nazionale dei probiviri, dirigente nazionale del Dipartimento sanità di Forza Italia e vice dirigente nazionale dei dipartimenti di Forza Italia. Nel 1994 è stata segretario di Forza Italia al Senato, dal 2001 al 2002 vice capogruppo del partito a Palazzo Madama e dal 2002 al 2005 vice capogruppo vicario. Tra il 2006 e il 2008 è stata nuovamente vice presidente del gruppo al Senato.

Casellati, la biografia

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali