FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Duster EDC, il Suv scopre nuovi contenuti

Cambio automatico a doppia frizione

Dopo aver completato la conversione a Gpl di tutti i suoi modelli, Dacia dà una bella rinfrescata a tutta la gamma. Aggiornamenti estetici, di contenuto e tecnici, soprattutto sulla Duster, dove arriva il cambio automatico EDC a doppia frizione, e sulla Sandero che adotta un nuovo motore 3 cilindri benzina da 75 CV. Siamo andati a Spalato a provare le nuove Dacia 2017.

Duster e le altre Dacia in Croazia

Il modello più importante sul nostro mercato è senza dubbio Duster, a breve nelle concessionarie col nuovo cambio EDC a doppia frizione e 6 rapporti, di derivazione Renault. Già disponibile con la trazione integrale su alcune versioni, Dacia Duster mancava della trasmissione automatica ed è arrivata sulla motorizzazione più popolare, la turbodiesel 1.5 dCi da 110 CV, ma soltanto a trazione anteriore. Le due frizioni agiscono di concerto, una per le marce dispari e l’altra per le pari, minimizzando i tempi dʼinserimento. Una centralina monitorizza tutti i parametri dell’auto e aziona degli attuatori, che effettuano, materialmente, la cambiata. L’abbinamento non riserva sorprese, le cambiate sono fluide e impercettibili, grazie anche all’estrema regolarità della collaudata unità motrice. Il sistema è anche dotato di stop/start, che spegne il motore durante le soste e lo riattiva in partenza. Peccato non potere avere quest’accoppiata su Duster 4x4.

Nella gamma 2017 di Dacia esordisce il motore SCe 75 su Sandero, un piccolo 3 cilindri 1.0 che va a sostituire l’attuale 1.2 di pari cavalleria, ma consuma e inquina il 10% in meno. Questo motore “entry level” ha una bella coppia di 97 Nm, che consente di guidare senza utilizzare troppo il cambio. Porta con sé parecchie novità tecnologiche: innanzitutto il monoblocco è in alluminio e ciò consente un risparmio di peso di circa 20 kg; la pompa dell’olio è a portata variabile e anche le valvole sono a fasatura variabile. Su strada la Sandero SCe 75, soprattutto a bassi regimi, scappa via che è un piacere, parte tranquillamente in seconda marcia e in salita si arrampica a dovere, senza troppe cambiate. Interessante il prezzo d’ingresso: 7.450 euro, comprensivo dellʼausilio alle partenze in salita e di sedile posteriore sdoppiabile 60/40.

Ora parliamo di look: Sandero, Sandero Stepway (il modello Urban Suv con le protezioni laterali) e Logan MVC adottano la nuova firma luminosa per i fari anteriori e posteriori. Sostanzialmente, le luci diurne a LED integrano sul davanti quattro elementi rettangolari, e lo stesso schema stilistico è riproposto anche dietro. Cambiano i paraurti, che integrano i fendinebbia. Internamente troviamo, di serie, la presa da 12 volt per ricariche varie, sedili confortevoli e un maggior numero di vani portaoggetti. L’assistenza per le partenze in salita è di serie su tutti i modelli e arrivano anche altre app tecnologiche, come la telecamera posteriore per i parcheggi. Aggiornamento infine anche per Dokker, Dokker Van e Lodgy, che presentano lo stesso schema di paraurti anteriori e griglia del resto della gamma.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali