FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Thailandia, Hollywood vuole girarci un film ma il governatore dice: "Sono solo ragazzi, lasciamoli tornare a scuola"

Lʼattenzione mediatica sulla storia dei baby-calciatori salvati dalla grotta non si spegne. La Fifa li vuole ai Mondiali e sulla loro storia cʼè il progetto di un museo interattivo

Thailandia, Hollywood vuole girarci un film ma il governatore dice: "Sono solo ragazzi, lasciamoli tornare a scuola"

A Hollywood stanno già pensando di fare un film sulla storia dei 12 ragazzini thailandesi salvati dalla grotta dopo 18 giorni passati nelle viscere della terra. I produttori americani erano nei pressi del cunicolo di Tham Luang mentre i sommozzatori si immergevano per tirare fuori i baby-calciatori e le ambulanze li trasportavano in ospedale a sirene spiegate.

Poi c'è la Fifa che li ha invitati alla finale dei Mondiali (dove non potranno ovviamente andare), ci sono i complimenti dei supercampioni di calcio, da Ozil a Marco Tardelli, da Massimiliano Allegri a Kane. Ma in tanti, tantissimi, chiedono tranquillità per i "cinghialotti" usciti dalla loro prigione sotterranea dove si è temuto il peggio. "Questi ragazzi non sono eroi - dice Narongsak Osottanakorn, il governatore della provincia di Chiang Rai, la zona dove si trova la grotta Tham Luang -. Hanno avuto un incidente e sono finiti sotto i riflettori, seguiti per giorni dal mondo intero. Ma sono solo ragazzi. Lasciamoli tranquilli. Hanno bisogno di riprendersi dopo questa terribile esperienza e devono tornare a scuola".

Riflettori accesi - Difficile, però, che l'attenzione mediatica che si è accesa intorno al loro caso si spenga facilmente. Nella località sperduta nella giungla dove c'è la grotta diventata la loro prigione, tra i primi ad arrivare, insieme ai soccorsi, c'erano proprio alcuni produttori cinematografici.

Film e museo interattivo - Managing director di Pure Flix (studio cinematografico con sede in Arizona), Michael Scott, che vive in Thailandia per tre mesi all'anno, non si è lasciato scappare l'occasione e ha subito raggiunto la grotta, ha detto ai giornalisti di immaginare "un importante film di Hollywood" interpretato da superstar e ha già raccolto decine di interviste e racconti sul posto.

Ma si pensa anche a un museo interattivo dove si progetta di ricostruire l'atmosfera vissuta dai ragazzi, i giorni della prigionia e quelli del ritorno alla vita. Insomma, sarà difficile che quei 12 ragazzini possano tornare in fretta a una vita normale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali