FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Barcellona,3 arrestati in cella: uno libero | Documento dellʼIsis nel covo di Alcanar

Il giudice ha ritenuto di non avere elementi "abbastanza solidi" per tenere in carcere Mohamed Aalla

Quattro uomini sospettati di essere membri della cellula terroristica, che ha ucciso 15 persone negli attacchi in Spagna, sono comparsi in tribunale a Madrid, e successivamente accusati di omicidio con finalità terroristica. Solo tre però sono rimasti in carcere. Il giudice che sta seguendo il processo, ha infatti negato a due di loro la cauzione, ha prolungato la detenzione di 72 ore al terzo uomo e ha liberato l'ultimo.

Davanti al giudice i quattro presunti terroristi arrestati per gli attentati in Spagna

I quattro presunti membri della cellula terrorista di Ripoll arrestati dopo l'attentato di Barcellona sono stati trasferiti nella sede della Audiencia Nacional di Madrid per essere interrogati dal giudice Fernando Andreu che dirige l'inchiesta sugli attacchi in Spagna. I quattro, di origine marocchina, sono Driss Oukabir, Mohamed Houli Chemlal, ferito nell'esplosione del covo a Alcanar, Mohammed Allaa e Salah El Karib.

leggi tutto

Il giudice Fernando Andreu ha spiegato che vi sono sufficienti prove per tenere in carcere Mohamed Houli Chemlal, 21 anni, e Driss Oukabir, 28 anni con l'accusa di aver provocato morti e feriti con modalità terroristiche oltre che di appartenenza a un'organizzazione terroristica. Il giudice ha anche scritto che Mohamed Houli Chemlal è in arresto anche per compravendita di esplosivi.

Resta in carcere per le prossime 72 ore in attesa degli sviluppi delle indagini Sahl El Karib, gestore dell'internet-caffè di Ripoll, località di provenienza della maggior parte dei componenti la cellula terroristica. Il suo internet-caffè è stato perquisito martedì sera. Il giudice ha quindi ritenuto di non avere elementi "abbastanza solidi" per tenere in carcere Mohamed Aalla.

Trovato documento dell'Isis nel covo di Alcanar - Il giudice che sta seguendo le indagini ha inoltre reso noto che nel covo di Alcanar dei killer di Barcellona, esploso il giorno prima dell'attacco, sono stati trovati un documento dello Stato islamico e un biglietto aereo per Bruxelles. La polizia ha inoltre dichiarato che nell'appartamento sono stati trovati 120 bombole di gas e tracce di esplosivo Tatp. Emerge inoltre che i terroristi hanno comprato i coltelli che hanno utilizzato nel secondo attentato pochi minuti prima di agire a Cambrils.

Francia: "Non eravamo a conoscenza della cellula terroristica" - Intanto il ministro dell'interno francese Gerard Collomb ha dichiarato a Bfm Tv che la Francia era ingnara dell'esistenza degli autori degli attacchi di Barcellona, sottolineando che "erano esclusivamente spagnoli".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali