FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Seattle cede al pressing dei big e cancella la "tassa Amazon"

Via lʼaliquota approvata un mese fa il cui ricavato sarebbe stato usato per far fronte allʼemergenza dei senzatetto

Seattle cede al pressing dei big e cancella la "tassa Amazon"

Seattle cancella la cosiddetta "tassa Amazon". Cedendo alle pressioni del colosso di Jeff Bezos e di altre grandi aziende, inclusa Starbucks, Seattle fa marcia indietro cancellando l'aliquota approvata appena un mese fa. Un'imposta sulle grandi aziende da 275 dollari a dipendente, con la quale la città puntava a raccogliere 50 milioni di dollari per far fronte all'emergenza senzatetto. I voti a favore dell'abolizione sono stati sette, due i contro.

Un'imposta immediatamente criticata e intorno alla quale si è aperta una vera e propria battaglia con raccolte di firme per portarla al referendum in novembre. Uno scenario che ha spaventato il consiglio comunale, spingendolo a convocare una riunione di emergenza per cancellare l'imposta. Una marcia indietro considerata una vittoria per Amazon, che a Seattle ha la sua sede.

"Il voto del consiglio comunale per cancellare una tassa sulla creazione di posti di lavoro e una decisione giusta", commenta Amazon, dicendosi impegnata a "essere parte di una soluzione per mettere fine all'emergenza senza tetto" della città. Il consiglio comunale aveva approvato l'imposta all'unanimità. Ora l'ha bocciata con sette voti a favore e due contrari: "Una prolungata e costosa battaglia politica nei prossimi cinque mesi" sulla misura "non farà nulla a favore della crisi urgente dei senza tetto" ha spiegato il sindaco motivando la decisione di un voto d'urgenza.

L'esperienza di Seattle mostra il potere delle grandi aziende ed è una lezione per le altre città della Silicon Valley che volevano ispirarsi alla strada aperta per cercare di chiudere il sempre più ampio divario di reddito esistente e affrontare la piaga della crescente povertà. L'area infatti presenta due facce ben distinte: da un lato la ricchezza dei colossi tecnologici, dall'altro il gruppo sempre più folto di coloro che sono rimasti tagliati fuori dal boom e per i quali vivere nell'area è ormai proibitivo, tanto da cercare riparo in strutture pubbliche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali