FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Schengen, che cosʼè e che cosa cʼè da sapere su un accordo ora a rischio

Ecco quali paesi ne fanno parte e che cosa significa dal punto di vista pratico lʼabolizione dei controlli alle frontiere

Schengen, che cos'è e che cosa c'è da sapere su un accordo ora a rischio

Schengen, in Lussemburgo, è la cittadina dove nel 1985 fu firmato lo storico accordo che, abolendo i controlli alle frontiere interne, aprì alla libera circolazione delle persone fra i paesi aderenti. I primi firmatari dell'accordo furono Francia, Germania, Belgio, Paesi Bassi e, per l'appunto, Lussemburgo. L'accordo fu allargato nel tempo ad altri paesi: l'Italia, ad esempio, vi partecipa dal 1990.

Schengen, che cos'è e che cosa c'è da sapere su un accordo ora a rischio

Nel 1995 entrò in vigore la convenzione che definiva le condizioni di applicazione e le garanzie inerenti all'attuazione della libera circolazione. Quattro anni dopo l'integrazione della cooperazione di Schengen entrava nel quadro giuridico dell'Ue con il trattato di Amsterdam.

L'accordo di Schengen è universalmente considerato una delle conquiste più importanti nel processo d'integrazione in Europa. In caso di minacce per la sicurezza o difficoltà a controllare le frontiere esterne - come sta accadendo ora a causa della crisi dei rifugiati - le autorità nazionali possono comunque sospendere la libera circolazione ripristinando i controlli alle frontiere. Alcuni paesi, come Francia, Germania, Austria, Danimarca, Norvegia e Svezia l'hanno già fatto: senza una soluzione comune europea però, quella che dovrebbe essere una misura eccezionale e temporanea rischia di diventare definitiva e di portare alla cancellazione dell'accordo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali