FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Missione in Niger, la Difesa smentisce
le indiscrezioni su un ritiro dei militari

Nelle scorse ore era circolata la notizia dello stop alle missioni in due paesi africani a causa di un mancato accordo con le autorità locali

Missione in Niger, la Difesa smentisce <BR> le indiscrezioni su un ritiro dei militari

La Difesa ha smentito la notizia di un possibile ritiro delle truppe militari dal Niger e dalla Tunisia. "Non ci sono ipotesi di ritiro del personale militare italiano. La missione si svilupperà in pieno accordo con le autorità locali", ha fatto sapere lo Stato maggiore della Difesa in riferimento al Niger. Per quanto riguarda invece la Tunisia "si tratta di un'iniziativa Nato a cui l'Italia ha dato la propria disponibilità a partecipare e che si svilupperà". Le dichiarazioni sono arrivate dopo che ha cominciato a circolare l'indiscrezione sullo stop alle due missioni militari.

La smentita -  "In merito a quanto riportato da alcuni organi di stampa circa la sospensione della missione in Niger - afferma la Difesa - si ribadisce quanto recentemente dichiarato pubblicamente dal capo di stato maggiore, il generale Claudio Graziano, e cioè che stanno proseguendo le attività programmate del nucleo di ricognizione per attività di collegamento e preparazione, di intesa con le Autorità nigerine, e di predisposizione all'approntamento della base italiana in Niger. Non ci sono quindi ipotesi di ritiro del personale militare italiano. La missione si svilupperà in pieno accordo con le Autorità locali". E poi smentisce anche l'eventualità di uno stop alla missione in Tunisia: "Si tratta di una iniziativa Nato di supporto tecnico-militare verso un paese chiave per la sicurezza del fianco Sud, a cui l'Italia ha dato la propria disponibilità a partecipare e che si svilupperà in base alla definizione dei necessari accordi tra il Paese nordafricano e l'Alleanza Atlantica".

L'indiscrezione - Le dichiarazioni dello Stato maggiore della Difesa smentiscono le indiscrezioni, circolate su alcuni organi di stampa, secondo cui le missioni dei soldati italiani in Niger e in Tunisia sarebbero state sospese a causa della mancanza di un accordo con i leader politici locali. Secondo la stessa indiscrezione ci sarebbero 40 soldati italiani già in Niger e il cui destino a questo punto sarebbe incerto. Era circolata anche l'ipotesi di una responsabilità francese nello stop alle missioni, cioè che il governo di Parigi abbia fatto pressioni affinché il nostro paese rimenesse fuori da giochi africani. Anche l'ex capo di Stato Maggiore dell' Aeronautica Militare, Leonardo Tricarico, aveva lasciato un commento sull'atteggiamento francese verso gli italiani per quanto riguarda le missioni in Africa. "In alcuni paesi, Parigi ha un ruolo da operatore dominante e questo spiegherebbe un atteggiamento inizialmente benevolente e favorevole dei governanti nigeriani verso l' Italia, seguito da un voltafaccia recente", ha detto Tricarico al Messaggero

Le missioni - Per la missione in Niger il Parlamento lo scorso gennaio ha autorizzato una presenza massima di 470 uomini: attualmente sul posto vi sono una quarantina di soldati che stanno preparando il terreno al resto del contingente. Entro giugno dovrebbero arrivare altri 120 militari. La Tunisia rientra invece in una missione Nato a cui l'Italia ha dato l'appoggio con 60 soldati e un contributo di 5 milioni di euro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali