FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Migranti, domande di asilo nel 2016: +63% Germania, +46% in Italia

Ma maggior parte dei profughi chiede di arrivare a Berlino. Al secondo posto il nostro Paese poi Francia e Grecia

Migranti, domande di asilo nel 2016: +63% Germania, +46% in Italia

Scendono, secondo Eurostat, le domande di asilo in Europa nel 2016: 1.204.300 contro le 1.257.000 del 2015. Sono comunque più del doppio di quelle del 2014 (562.700). La Germania è il Paese che accoglie di più sia in numeri assoluti sia rispetto alla popolazione, con un +63% rispetto al 2015. In Italia le domande sono aumentate del 46%, al secondo posto come accoglienza in numeri assoluti, ma solo decima in base al numero di abitanti.

La maggior parte dei migranti ha fatto richiesta di asilo in Germania (722.300, ovvero il 60% del totale), seguita dall'Italia (121.200, o il 10%), Francia (76.000, il 6%), Grecia (49.900, il 4%), Austria (39.900, il 3%) e Regno Unito (38.300, il 3%).

Le cose per l'Italia cambiano si guarda al numero di richieste rispetto alla popolazione totale del Paese: la Germania resta in testa (8.789 domande di asilo per milione di abitanti), segue la Grecia (4.625), l'Austria (4.587), Malta (3.989), Lussemburgo (3.582) e Cipro (3.350). In Italia sono 1.998. I numeri più bassi invece in Slovacchia (18 domande per milione di abitanti), Portogallo (69), Romania (94), Repubblica Ceca ed Estonia (114).

Le nazionalità dei richiedenti asilo non sono cambiate rispetto al 2015. Al primo posto ci sono i siriani (334.800), seguiti da afghani (183.000) e iracheni (127.000).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali