FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

LʼOsservatore Romano attacca Charlie Hebdo: "Copertina sfiora il ridicolo"

Il Vaticano si scaglia contro il disegno di Dio con il mitra in spalla: "Si coglie il triste paradosso di un mondo sempre più attento al politicamente corretto"

L'Osservatore Romano attacca Charlie Hebdo: "Copertina sfiora il ridicolo"

L'Osservatore Romano critica duramente Charlie Hebdo e la sua copertina raffigurante Dio con il mitra in spalla. "Si coglie il triste paradosso di un mondo sempre più attento al politicamente corretto al punto da sfiorare il ridicolo", scrive il giornale nel commento dal titolo "La fede manipolata". E aggiunge che non si riconosce e rispetta "la fede in Dio di ogni credente, qualunque credo professi".

Il giornale della Santa Sede cita le parole del presidente del Conseil français du culte musulman, Anouar Kbibech, affermando che si tratta di "un'immagine che ferisce tutti i credenti delle diverse religioni: è una caricatura che non aiuta, in un momento in cui abbiamo bisogno di ritrovarci fianco a fianco".

Secondo l'Osservatore Romano "l'episodio non è una novità perché, dietro la bandiera ingannatrice di una laicità senza compromessi, il settimanale francese ancora una volta dimentica quanto leader religiosi di ogni appartenenza stanno ripetendo da tempo per rifiutare la violenza in nome della religione: usare Dio per giustificare l'odio è un'autentica bestemmia, come ha più volte ribadito Papa Francesco".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali