FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Mondo >
  • Gentiloni: dobbiamo salvare i cristiani "Ma l'opzione militare non è l'unica"

Gentiloni: dobbiamo salvare i cristiani "Ma l'opzione militare non è l'unica"

Il titolare della Farnesina sottolinea che in passato interventi armati "hanno avuto esiti tutt'altro che risolutivi" e precisa: "Non stiamo parlando di nuove guerre o invasioni come è avvenuto in Iraq"

- "Intervenire contro la persecuzione dei cristiani e a sostegno delle minoranze religiose si deve fare in tutti i modi e senza escludere l'opzione militare". Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Ma allo stesso tempo Gentiloni ha messo sul tavolo anche altre possibilità: "Non escludere l'opzione militare fa sicuramente titolo ma non è l'unica risposta al terrorismo nè la risposta decisiva".

Gentiloni: dobbiamo salvare i cristiani
"Ma l'opzione militare non è l'unica"

"Servono interventi su più terreni" - Ai microfoni di Radio Anch'io, il ministro ha sottolineato che il Paese "è già coinvolto da diversi mesi" in un'operazione militare anti-Isis in Siria e in Iraq "con l'autorizzazione del Parlamento". D'altronde, ha aggiunto, la lotta al terrorismo va condotta con "interventi su più terreni".

E ancora: "All'interno della comunità musulmana c'è un conflitto tra sciiti e sunniti che noi dobbiamo provare a moderare, ci sono le operazioni di contrasto al finanziamento dei gruppi, c'è la dimensione della cooperazione economica". Gentiloni ha poi fatto riferimento anche agli aiuti umanitari verso i rifugiati e alla collaborazione tra università precisando ancora una volta che "quando si dice possiamo fare di più non vuol dire mettere mano alle pistole".

"No a guerre o invasioni come in Iraq" - "In passato ci sono stati interventi militari che hanno avuto esiti tutt'altro che risolutivi - ha aggiunto  il titolare della Farnesina -, ma che anzi hanno aggravato la situazione". E ha concluso: "Non stiamo parlando di nuove guerre o invasioni come quelle avvenuto in passato, ad esempio, in Iraq".

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X
TAG:
Paolo Gentiloni