FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Egitto, Regeni forse vittima di gruppi paramilitari. Gentiloni: verità lontana

Il giovane arrestato prima o durante una manifestazione con centinaia di giovani. E rimane il mistero sui due sospettati fermati nella notte. Rilasciati i due sospetti fermati

Egitto, Regeni forse vittima di gruppi paramilitari. Gentiloni: verità lontana

Sarebbe opera di gruppi paramilitari, l'arresto e il pestaggio mortale di Giulio Regeni, il ricercatore italiano trovato senza vita in un fosso nella zona desertica tra Il Cairo e Alessandria, nudo dalla cintola in giù. Il giovane sarebbe stato fermato durante una manifestazione insieme a centinaia di altri giovani per l'anniversario delle proteste di piazza Tahir. Ed è giallo sui due arresti per l'uccisione dell'italiano.

Secondo Repubblica, Giulio scompare tra le 20 e il 21 del 25 gennaio. E' possibile, dicono fonti dell'intelligence italiana, che Giulio abbia incontrato alcuni ragazzi pronti a manifestare. E che qualcuno, magari pezzi deviati dalla polizia egiziana, abbia deciso di punirli prima che scendessero in piazza.

Un obiettivo forse mirato. Giulio Regeni è infatti uno studioso dei movimenti di opposizione in Egitto. Ha contatti con i nemici del regime. Conosce i loro nomi e cognomi, le strategie, la rete. E molto probabilmente gli apparati di sicurezza egiziani erano a conoscenza di ciò. Giulio, forse si sarebbe rifiutato, durante un brutale interrogatorio, di rivelare quelle preziose fonti.

Mistero sui due arresti - L'indiscrezione che due sospettati vengono interrogati e poi fermati durante la notte per l'omicidio di Giulio rimane tale: nessuno, fino a tarda notte, lo conferma alle nostre forze di polizia. E il dubbio che si tratti solo di fumo negli occhi per guadagnare tempo da parte del "regime" di Al Sisi è molto forte.

Gentiloni: verità ancora lontana - "A quanto risulta dalle cose che ho sentito sia dall'ambasciata sia dagli investigatori italiani che stano cominciando a lavorare con le autorità egiziane, siamo lontani dal dire che questi arresti abbiano risolto o chiarito cosa sia successo. Credo che siamo lontani dalla verità". Lo dice il ministro degli esteri, Paolo Gentiloni, ricordando che l'Egitto deve fornire la massima collaborazione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali