FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Catcalls of New York City, un progetto per denunciare le molestie in strada

Lʼideatrice raccoglie le testimonianze delle donne e, nel luogo dove sono avvenuti i fatti, trascrive le loro dichiarazioni con i gessetti colorati

“Hey sexy”, “Bel c… mami”, “Posso venire a casa con te?”. Questi e tanti altri, anche molto più volgari, i commenti ricevuti tra i vicoli di New York City dalle donne. La 21enne Sophie Sandberg ha deciso di raccogliere le testimonianze di coloro che sono state vittime di molestie in strada e di trascriverle con gessetti colorati nei luoghi dove sono avvenuti i fatti. Il progetto si chiama Catcalls of New York City. L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema e di convincere i catcallers (molestatori) a pensarci due volte prima di molestare le donne in strada.

Catcalls of New York City: le storie

Il progetto - Il progetto è nato nel 2016. Sophie, studentessa newyorchese, ogni volta che crea una nuova “opera” la fotografa e la condivide con i quasi 6mila followers della pagina Instagram di Catcalls of New York City. “Ho pensato che i gessetti fossero perfetti: sono colorati e gioiosi”, ha spiegato Sophie alla Bbc.

“Da quando sto ‘seguendo’ questo progetto mi sono resa maggiormente conto di quanto le persone, in strada, possano diventare volgari e aggressive - ha raccontato Sophie - La prima volta che è successo a me, i commenti del mio catcaller mi sono sembrati complimenti (“Hey bella”, “Hey sexy”). Poi, però, mi sono sentita così a disagio. Era come se il mio corpo non fosse più mio. E avevo solo 15 anni”.

Sophie spera che Catcalls of New York City possa approdare in altre città del mondo. “E’ uno dei miei obiettivi - ha detto - Mi hanno contattato dal Canada e dal Texas. Ne sono felice”.

“Il #metoo è un grande esempio - ha aggiunto Sophie - E’ un fenomeno contagioso. Se gli altri raccontano le loro storie viene voglia anche a te di farlo”. “La gente prima non parlava di molestie sessuali sul luogo di lavoro. Ora lo fa”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali