FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
CHIUDI X

Video Tgcom24 -Mondo

Bruxelles, decimo arresto legato agli attacchi di Parigi del 13 novembre

Si tratta di Ayoub B., un belga di 22 anni. Altri sei persone fermate per possibili attentati durante le feste. Sequestrati a Molenbeek 10 telefoni cellulari

- La polizia di Bruxelles ha arrestato una persona, la decima dall'inizio delle inchieste, legata agli attacchi di Parigi del 13 novembre. Secondo la Libre si tratta di Ayoub B., un belga di 22 anni. Sequestrati a Molenbeek dieci telefoni cellulari. Il mandato di arresto è stato emesso dalla procura di Bruxelles, con l'accusa di "omicidi terroristici e partecipazione alle attività di un gruppo terroristico".

Bruxelles, decimo arresto legato agli attacchi di Parigi del 13 novembre

Tra cinque giorni un tribunale di Bruxelles deciderà se confermare l'arresto. Secondo la procura, nel corso di perquisizioni a Molenbeek, uno dei quartieri della capitale, "è stata sequestrata una decina di Gsm. Non sono stati scoperti né armi né esplosivi".

Altri sei fermi per possibili progetti di attentati - Sempre nell'area di Bruxelles, altre sei persone sono state fermate nell'ambito dell'inchiesta su attentati progettati nel periodo delle festività natalizie. Eseguite inoltre sette perquisizioni. I sei fermati saranno interrogati e un magistrato deciderà se emettere mandati di arresto nei loro confronti. Ancora nell'ambito dell'inchiesta su possibili attentati, due persone erano state arrestate in Belgio tra domenica e lunedì: sospetti jihadisti che facevano parte di un club di motociclisti musulmani chiamato "kamikaze raiders".

Gli attacchi di Parigi coordinati a distanza dal Belgio - Intanto emergono particolari sui fatti del 13 novembre. Gli attentati sono stati coordinati a distanza da una persona rimasta in Belgio. Lo rivela Le Monde, citando uno dei circa seimila verbali della procura antiterrorismo, in cui si parla di un "triplo coordinamento" gestito a distanza. Prima di lanciare l'attacco al Bataclan, i kamikaze hanno inviato un sms a un numero di cellulare belga, una linea attivata la sera prima e mai più utilizzata dopo la notte degli attentati.

Anche Abdelhamid Abaaoud, che era alla guida della Seat nera da cui sono partiti i colpi contro diversi bar e ristoranti, ed è considerato l'organizzatore degli attacchi, per tutta la serata del 13 novembre è stato in costante contatto con un altro numero di cellulare belga, che secondo le verifiche degli inquirenti si trovava nello stesso posto di quello che ha ricevuto il primo sms. Anche questo secondo numero ha cessato ogni attività dopo gli attentati.

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre
In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X
TAG:
Strage Parigi
Bruxelles
Parigi
X

Notizie correlate

TAG:
Strage Parigi
Bruxelles
Parigi