FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Brexit,accordo lontano e la May: "No ai diritti residenza a cittadini Ue nel periodo di transizione"

La premier britannica attacca e rassicura i Tory anche sulla durata del periodo post uscita dalla Ue: "Chi arriva dopo Brexit sarà trattato diversamente". La replica dellʼUnione: "Diritti non negoziabili"

Brexit,accordo lontano e la May: "No ai diritti residenza a cittadini Ue nel periodo di transizione"

La premier britannica Theresa May si oppone a una proposta che prevede di concedere i diritti legati alla residenza nel Paese ai cittadini europei durante il periodo di transizione dopo la Brexit: lo riporta la Bbc online. Deve esserci una "differenza" di trattamento tra coloro che arrivano dopo che il Regno Unito sarà uscito dall'Unione Europea e coloro che arrivano prima, ha detto la premier britannica.

Theresa May ha aperto un nuovo fronte di attrito con l'Unione europea nell'ambito dei negoziati per la Brexit. Secondo la premier non c'è accordo sullo status dei cittadini Ue che arriveranno in Gran Bretagna nel periodo di transizione dopo il divorzio. I cittadini europei che saranno nel Regno Unito da dopo marzo 2019 non avranno gli stessi diritti di quelli che si trovavano nel Paese prima. Secondo la stampa britannica, che segue il viaggio di tre giorni della May in Cina, per i cittadini Ue in Gran Bretagna nel periodo transitorio sarebbero necessari permessi di lavoro obbligatori, restrizioni nell'accesso al welfare e registrazione all'arrivo.

Parlando ai giornalisti May ha dichiarato che i dettagli "sono oggetto di negoziati per il periodo di implementazione, ma mi è chiaro che c'è una differenza tra coloro che sono venuti prima dell'uscita (dall'Ue) e coloro che arriveranno quando si saprà già che il Regno Unito sta lasciando" l'Ue. May ha aggiunto che contrasterà l'idea di coloro che dicono che non cambierà molto dopo il divorzio. "Quello che stiamo facendo è il lavoro che i britannici hanno chiesto al governo di fare, realizzare la Brexit" e "non hanno votato affinché nulla cambiasse".

La replica dell'Unione europea: "I diritti dei cittadini Ue non sono negoziabili" - "I diritti dei cittadini Ue durante il periodo di transizione non sono negoziabili". Lo ha detto al Guardian Guy Verhofstadt, leader dei liberali europei ed emissario del Parlamento di Strasburgo nei negoziati per la Brexit, replicando alla premier britannica che invece ha invocato una "differenza" di trattamento tra coloro che arrivano dopo che il Regno Unito sarà uscito dall'Unione europea e coloro che arrivano prima. "Non accetteremo che ci siano due tipologie di diritti per i cittadini comunitari. Perché la fase di transizione funzioni, ci deve essere una proroga della situazione attuale senza eccezioni", ha aggiunto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali