FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Battisti: "Non devo chiedere scusa alle famiglie delle vittime"

Allʼagenzia Ansa il terrorista afferma di sentirsi "brasiliano" più che italiano, anche perché in Italia contro di lui ci sono solo "odio e risentimento"

Battisti: "Non devo chiedere scusa alle famiglie delle vittime"

"Tutte le morti sono deplorevoli, ma non c'è motivo che io chieda scusa per qualcosa che hanno commesso altri". Lo ha detto Cesare Battisti, condannato all'ergastolo per quattro omicidi, rispondendo alla domanda se intenda mandare un messaggio alle famiglie delle vittime che la giustizia gli imputa. All'agenzia Ansa il terrorista afferma di sentirsi "brasiliano" più che italiano, anche perché in Italia contro di lui ci sono solo "odio e risentimento".

In una precedente intervista al quotidiano brasiliano "Folha de S. Paulo", Battisti ha affermato che l'Italia è "un paese arrogante". A Roma "sono convinti che sia un compito per loro facile portarmi via" dal Brasile, ha detto l'ex terrorista, definendo l'atteggiamento italiano nei suo confronti come un'espressione di "orgoglio e vanità". Il presidente brasiliano, Michel Temer, ha l'occasione di compiere "un grande atto di giustizia e umanità nei miei confronti", ha aggiunto Battisti.

"Vorrei che il presidente Temer prendesse coscienza profonda della situazione anche perché ha tutti gli strumenti giuridici e politici per fare un atto di umanità e lasciarmi qui" in Brasile. "La mia arma per difendermi non è fuggire. Mi trovo dal lato della ragione, ho tutto dalla mia parte", ha sostenuto Battisti.

"Sono in prescrizione dal 2013 e non si può tornare indietro dopo cinque anni", ha aggiunto l'ex terrorista, riferendosi alla decisione dell'ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, di concedergli asilo politico nel 2010.

Torregiani: "Svolta se chiedesse perdono" - "C'è sempre stata la speranza" che Cesare Battisti scontasse l'ergastolo per quattro omicidi a cui è stato condannato. Lo sottolinea Alberto Torregiani, figlio di Pierluigi, una delle vittime, che si batte per l'estradizione di Battisti da anni. "Sto con i piedi per terra. Finché non è in Italia, non è il caso di gioire. Non mi interessa vederlo. Il mio obiettivo è ottenere giustizia per me e per gli altri. E una volta che sarà messo a scontare la pena sarà un capitolo chiuso. Avremo un po' di sollievo". Torregiani non si stupisce che Cesare Battisti non abbia niente da dire ai familiari delle vittime perché sostiene che si tratti di fatti commessi da altri. "E' normale che parli così, lo ha sempre fatto - ha detto all'ANSA - è coerente. Se avesse un po' di umiltà e chiedesse perdono, sarebbe una svolta".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali