FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Smog, ultimatum dellʼUe allʼItalia: "Misure entro venerdì o sarà deferita alla Corte di Giustizia"

La scadenza per la presentazione delle proposte anti-inquinamento era stata estesa dal commissario allʼAmbiente Karmenu Vella, dopo lʼincontro ministeriale di fine gennaio

Smog, ultimatum dell'Ue all'Italia: "Misure entro venerdì o sarà deferita alla Corte di Giustizia"

L'Italia, assieme agli altri otto Paesi finiti nel mirino della Commissione Ue per l'emergenza smog, dovrà presentare ulteriori misure contro l'inquinamento entro venerdì o sarà deferita alla Corte di Giustizia europea. E' l'ultimatum lanciato da Bruxelles alla vigilia della scadenza, estesa da lunedì a venerdì dal commissario all'Ambiente Karmenu Vella dopo l'incontro ministeriale di fine gennaio.

La Commissione europea "procederà alla tappa finale della procedura d'infrazione a meno che non vengano proposte misure credibili e puntuali". Oltre al nostro Paese, anche Repubblica Ceca, Germania, Spagna, Francia, Ungheria, Romania, Slovacchia e Gran Bretagna si trovano ad affrontare procedure d'infrazione per il superamento dei limiti concordati di inquinamento.

"Il commissario Vella ha presentato al Collegio l'esito del vertice convocato con i ministri" dei nove Paesi "come ultimo sforzo per trovare soluzioni" al problema della qualità dell'aria. La Commissione ha infatti ribadito la sua intenzione "ad aiutare gli Stati membri a mettersi in regola urgentemente con quanto hanno concordato ma mai rispettato per molti anni", in particolare per quanto riguarda le direttive sulle soglie massime di sforamento dei limiti di particolato atmosferico (Pm10) e biossido di azoto (NO2).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali