FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Smog e polveri sottili, più rischi di parto prematuro

Sotto accusa il particolato fine" legato ad esempio agli scarichi delle vetture diesel e benzina"

Smog e polveri sottili, più rischi di parto prematuro

L'inquinamento atmosferico, in particolare la presenza nell'aria di polveri sottili o "particolato fine" legato ad esempio agli scarichi delle vetture diesel e benzina, potrebbe aumentare il rischio di parto prematuro. Lo afferma una ricerca pubblicata sulla rivista Environmental Health: il rischio va dal 19 al 28% in più, con un effetto più significativo se la gestante è esposta a questo tipo di particelle.

Lo studio è condotto da Emily DeFranco dell'ospedale pediatrico e Università di Cincinnati considerando quasi 225mila nascite nel periodo 2007-2010 e i dati disponibili sull'inquinamento urbano nelle diverse aree di residenza delle gestanti. In particolare gli esperti hanno considerato le concentrazioni di polveri sottili di tipo PM2,5 che per le loro dimensioni possono essere respirate e spingersi nella parte più profonda dell'apparato, fino a raggiungere i bronchi.

Si tratta di rischi di per sé piccoli, precisa DeFranco, ma di entità complessiva potenzialmente rilevante, dato che oltre una gestante su 10 potrebbe essere esposta a grosse quantià di queste particelle inquinanti nelle grosse aree urbane.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali