FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Clima, New York fa causa ai giganti del petrolio per le emissioni di gas serra

Secondo le autorità newyorkesi, i colossi dei combustibili sono responsabili del cambiamento climatico e del riscaldamento globale

Clima, New York fa causa ai giganti del petrolio per le emissioni di gas serra

New York fa causa ai giganti del petrolio per le emissioni di gas serra: nel mirino delle autorità newyorkesi finiscono Exxon, Chevron, Bp, Royal Dutch Shell e ConocoPhillips, accusate di promuovere i loro prodotti minimizzando quanto questi minaccino il clima. Secondo quanto riportano i media americani, New York punta il dito contro i colossi ritenendoli responsabili del cambiamento climatico e del riscaldamento globale.

La "guerra ai combustibili fossili" viene portata avanti negli Stati Uniti anche su altri fronti. Nonostante il tentativo di rottamazione delle politiche di Obama sul clima, l'amministrazione Trump ha dovuto infatti incassare un clamoroso stop ai suoi progetti per "salvare" l'industria del carbone e rivitalizzare il comparto minerario. Il suo piano di salvataggio del settore è stato infatti bocciato all'unanimità dalla Ferc, l'authority federale dell'energia. A votare contro, ironia della sorte, anche i tre nuovi commissari nominati dal tycoon.

"Una grande vittoria per i consumatori, per il libero mercato e per l'aria pulita", esulta il rivale Michael Bloomberg, tre volte sindaco di New York e oggi inviato speciale delle Nazioni Unite per il clima. Insieme a lui esprimono soddisfazione anche le associazioni ambientaliste che temevano un totale rovesciamento delle linee di politica energetica messe in campo dall'amministrazione Obama, tese a favorire lo sviluppo delle rinnovabili.

La proposta presentata dal ministro per l'energia Rick Perry invece prevedeva incentivi per le miniere di carbone e per gli impianti nucleari, motivando la mossa anche con la necessità di avere un potenziale energetico sempre all'altezza di inverni sempre più freddi. Un tema sensibile in queste settimane, in cui soprattutto sulla costa orientale degli Stati Uniti si sono registrati picchi di temperatura polari.

Rilanciare l'industria del carbone - uno dei cardini dell'"America First" di Trump - per la Casa Bianca va di pari passo con la promessa di garantire l'autosufficienza degli Usa in campo energetico e con quella di creare nuovi posti di lavoro in un settore in cui l'occupazione è oramai ridotta all'osso, crollata ai minimi storici con non più di 50mila lavoratori.

La Ferc, la cui decisione è vincolante, ha detto però "no" al salvataggio. La motivazione sta nella necessità di non alterare quella strategia seguita dalle autorità di vigilanza fin dagli Anni Ottanta per garantire equilibrio sul fronte della concorrenza all'interno del mercato energetico. Un mercato sempre più competitivo in cui si rafforza la posizione del gas naturale e quella dell'energia "verde", come quelle solare ed eolica, fortemente incentivate dall'amministrazione Obama.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali