FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

P.a., ministro Madia: "Via libera ad arretrati e aumenti per gli statali"

Il Consiglio dei ministri ha autorizzato a concludere lʼiter per rendere operativo il nuovo contratto dei dipendenti pubblici

Il governo ha dato il via libera al pagamento degli arretrati e agli aumenti per gli statali. Ad annunciarlo è il ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, con un post su Twitter. "Dopo il Cdm di oggi - scrive - via libera al pagamento degli arretrati e degli aumenti previsti dal nuovo contratto per la PA centrale".

Il Consiglio dei ministri ha approvato, in pratica, l'ipotesi di contratto presentata da Madia. La presidenza ha così autorizzato il ministro a concludere l'iter per rendere operativo il nuovo contratto dei dipendenti della P.a. centrale.

L'intesa prevede, per la parte economica, un aumento medio di 85 euro; gli arretrati contrattuali per il periodo 2016-2017; lo stop ai premi a pioggia e la salvaguardia del bonus di 80 euro in busta paga. Tra le novità della parte normativa ci sono, tra l'altro, l'introduzione dell'istituto delle ferie solidali; il recepimento delle nuove disposizioni sulle unioni civili; la disciplina comune su orari di lavoro, permessi e ferie e la stretta sull'assenteismo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali