FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Il fisco italiano è il più complicato dʼEuropa: commercialisti in agitazione

A livello mondiale invece siamo terzultimi: peggio di noi stanno solo Brasile e Turchia

Il fisco italiano è il più complicato d'Europa: commercialisti in agitazione

Pagare le tasse in Italia non è solo oneroso ma anche complicato. A certificarlo è il "Financial complexity index 2017", una indagine realizzata dalla società di consulenza Tfm group. Il Fisco del nostro paese è il più difficile d'Europa e il terzultimo a livello mondiale, su 94 ordinamenti tributari presi in esame. Peggio di noi stanno solo i brasiliani e i turchi.

Non stupisce quindi, che i commercialisti abbiano preso carta e penna e scritto una lunga lettera al direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, in cui indicano le semplificazioni da fare con maggiore urgenza: il razionale calendario delle scadenze fiscali, il progetto di fatturazione elettronica , l’eliminazione dell’obbligo di stampa dei registri Iva, gli indici di affidabilità fiscale, la proroga automatica degli adempimenti tributari.

Per 2017 erano previste una serie di semplificazioni fiscali, ma secondo i commercialisti italiani gli effetti non si sono ancora apprezzati, anzi, la situazione rischia di essersi complicata ancora di più. Un dato mostra in modo esemplare questa tendenza: nel 2016 sono stati inviati alle Entrate 177 milioni di documenti mentre quest’anno siamo a 130 milioni e si chiuderà, verosimilmente, a 200 milioni di documenti. Colpa delle nuove comunicazioni trimestrali dell’Iva che hanno prodotto quasi 3,9 milioni in più di documenti trasmessi. Anche i codici tributari sono aumentati da 300 a 350.

Le procedure di snellimento, almeno sulla carta, del fisco, hanno prodotto però, un risultato positivo, quantomeno per lo Stato: l'introduzione delle procedure online ha fatto risparmiare alle casse pubbliche circa 2 miliardi di euro. Secondo l’Ocse si tratterebbe del risparmio più consistente realizzato in Europa negli ultimi anni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali