FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Trump: "Usa pronti a colpire, Kim cambi strada" | NordCorea: "Vi spazzeremo via"

Toni sempre più accessi e minacce reciproche tra Pyongyang e Washington. Mosca: il rischio di un confronto militare è "molto alto"

"Le misure militari sono ora state allestite in pieno e pronte a colpire, in caso la Corea del Nord agisse incautamente". Così il presidente americano, Donald Trump, annuncia su Twitter il completamento del dispiegamento militare. "Speriamo - agguiunge - che Kim Jong-un trovi un'altra strada". Ma Pyongyang non arretra. "Spazzeremo via gli Usa - minaccia il leader nordcoreano -, vi cancelleremo dalla faccia della terra".

Trump rilancia un vecchio tweet: "Pronti a combattere per Guam" - Trump rilancia poi un vecchio tweet del comando delle forze armate Usa responsabile per l'area dell'oceano Pacifico, ricordando che le forze aeree americane hanno volato sulla penisola coreana il 7 agosto. Con quel "cinguettio" il presidente Usa richiama al fatto che i caccia americani a Guam, l'isola nel Pacifico minacciata da Pyongyang in quanto territorio statunitense, sono pronti a combattere.

Corea del Nord: "Ridurremo gli Usa in cenere" - "Il presidente Trump ci sta portando sull'orlo di una guerra nucleare", afferma il regime di Pyongyang in una dichiarazione diffusa dall'agenzia nordcoreana Kcna poco prima dell'ultimo tweet del presidente americano. "Il comportamento isterico e imprudente di Trump - aggiunge - potrebbe ridurre gli Usa in cenere ogni momento".

Xi a Trump: "No a retorica o azioni rischiose" - Il presidente cinese Xi Jinping, in una telefonata avuta con Trump, ha detto che tutte le parti coinvolte dovrebbero "evitare retorica o azione tali da peggiorare le tensioni sulla penisola coreana". Lo riporta la tv di Stato Cctv, secondo cui Xi avrebbe osservato che Pechino e Washington sono entrambe interessate alla denuclearizzazione della penisola.

Mosca: "Rischio di un confronto militare è molto alto" - Per il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, la possibilità che si arrivi ad un confronto militare tra Usa e Corea del Nord è concreto. "Ritengo che i rischi di un confronto militare - sostiene - siano molto alti, soprattutto tenendo conto di questa retorica, sono state fatte minacce dirette di uso della forza". E il segretario alla Difesa Usa, Jim Mattis, avverte che "l'opzione militare c'è", ma una guerra sarebbe "catastrofica".

Giappone schiera missili intercettori - Il Giappone intanto ha schierato missili intercettori nella parte occidentale del Paese in risposta alla minaccia della Corea del Nord di attaccare l'isola di Guam. "Farò di tutto, al meglio delle mie abilità, per proteggere la sicurezza e i beni del popolo nipponico", ha affermato il premier giapponese Shinzo Abe.

Mogherini convoca il Comitato di sicurezza Ue - L' Alto rappresentante Ue Federica Mogherini ha convocato un incontro straordinario del Comitato politico e di sicurezza per il 14 agosto, per discutere dei possibili prossimi passi, sulla situazione nella Corea del Nord. Si legge in una nota del Servizio europeo per l'azione esterna.

Angela Merkel contro l'opzione militare - Il cancelliere tedesco, Angela Merkel, si dichiara contro una "soluzione militare" alla crisi con la Corea del Nord e condanna "l'escalation" nei toni tra Washington e Pyongyang. "Non vedo la possibilità di una soluzione militare a questo conflitto", afferma. "Piuttosto si deve lavorare in modo consistente, come abbiamo visto fare al Consiglio di Sicurezza dell'Onu. La Germania parteciperà molto intensamente alle opzioni che non siano di tipo militare", conclude.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali