FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Si chiama Isis, Facebook la scambia per una terrorista e la blocca

Una ragazza ha trovato il proprio account disattivato a causa del suo nome. Il racconto su Twitter, diventato virale, ha portato alla soluzione: dopo nove ore il profilo è sbloccato

Si chiama Isis, Facebook la scambia per una terrorista e la blocca

Una ragazza si chiama Isis Anchalee e Facebook ha bloccato il suo profilo. Il social l'ha scambiata per una terrorista e a nulla sono valse le spiegazioni con tanto di carta d'identità allegata che mostravano che il suo nome è proprio Isis. Dopo tre tentativi via mail la giovane ha raccontato la vicenda su Twitter e alla fine il network di Zuckerberg le ha risposto proprio sulla piattaforma dell'uccellino blu.

Si chiama Isis, Facebook la scambia per una terrorista e la blocca

"Facebook pensa che io sia una terrorista. Sembra che mandare una foto del mio passaporto non sia sufficiente a sbloccare il mio account", questo il tweet scritto dalla ragazza. Prima di sfogarsi su Twitter, Isis Anchalee aveva inviato tre mail a Facebook con i documenti allegati per mostrare la sua identità e chiarire di non aver nulla a che fare con il gruppo terrorista. Nessuna risposta era arrivata.

Ma il racconto su Twitter, diventato in pochi minuti virale, deve aver sbloccato la situazione tanto che Omid Farivar, ricercatore User Experience di Facebook, le ha risposto proprio con un tweet scusandosi per il disguido e promettendole che l'account sarebbe stato riattivato. E dopo un'ora Farivar le ha confermato, sempre su Twitter, che il profilo di Isis Anchalee era stato sbloccato. Il messaggio di Isis aveva ottenuto più di 1.500 retweet.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali