FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Gb, rubano pc che dà voce a sua figlia disabile: lʼappello del papà è virale

Solo grazie allʼuso di questa tavoletta da 5700 sterline la ragazzina, 16enne, può parlare. Quasi centomila le condivisioni su Twitter: tra loro anche la leggenda del tennis inglese Andy Murray

Gb, rubano pc che dà voce a sua figlia disabile: l'appello del papà è virale

Miya Thirlby, 16enne di Plymouth, è disabile e soffre di epilessia: l'unico modo che ha per comunicare con il mondo è un computer da 5700 sterline che le è stato rubato. Di qui la disperazione del papà, che ha deciso di condividere su Twitter la sua sventura chiedendo di ritwittare il suo messaggio affinché possa giungere anche ai ladri. In pochi giorni l'appello è diventato virale, quasi 100mila condivisioni, compreso due giganti dello sport inglese come la leggenda del calcio Alan Shearer e l'eroe del tennis Andy Murray.

La ragazzina usa una tavoletta con un sofisticato software, l'Accent 1400, che riesce a generare un discorso semplicemente in base a ciò che sta guardando. Il pc è stato rubato dall'auto parcheggiata davanti casa, probabilmente i ladri lo hanno scambiato per un "normale" computer ma invece è l'unico modo che Miya ha per parlare.

Immediato il tam tam sui social. Il tennista Murray ha condiviso sul suo profilo l'appello del papà, Alan Shearer sul suo account ha anche esortato il ladro a restituire la refurtiva, ma sono centinaia di migliaia le persone toccate da questa storia al punto da istituire una pagina di raccolta fondi per acquistare un rimpiazzo della miracolosa tavoletta.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali