ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
13/8/2006

Il personal computer compie 25 anni

Presentato dall'Ibm il 12 agosto 1981

Il personal computer spegne 25 candeline: quello che sarebbe diventato l'inseparabile compagno di scrivania di centinaia di milioni di persone venne presentato ufficialmente dall'Ibm il 12 agosto 1981. Il "5150", primo modello di pc, costava "solo" 1.600 dollari. E gli scettici lo chiamavano "pizza box", poiche' era piccolo a differenza degli imponenti mainframe dell'epoca.

Il "pc", così lo battezzò l'Ibm, fu presentato all'hotel Waldorf Astoria di New York e poi pubblicizzato negli States da un mimo con il volto di Charlot che saltellava attorno alla nuova macchina: prima di allora in commercio esistevano solo sistemi che, nella stragrande maggioranza dei casi, sarebbero scomparsi entro breve: Commodore, Altair, Honeywell Bull, Sinclair, Victor, Xerox. E anche una piccola azienda alle porte di S.Francisco, la Apple, la cui macchina invece farà successo come antagonista proprio del pc.

Non tutti, però, capirono che era iniziata una vera e propria rivoluzione nel mondo dell'informatica: "Non esiste ragione al mondo per la quale una persona dovrebbe mettersi un computer dentro casa", pronosticò lo scettico Ken Olson, presidente della Digital Equipment. Il quale rifiutò l'incarico per scrivere il sistema operativo del nuovo computer. L'incarico venne quindi affidato dall'Ibm a una certa Microsoft, che sviluppò il Disk operating system (Dos). Il proprietario dell'allora minuscola società, il giovane Bill Gates, grazie alla scelta della Ibm e al successo del pc sarebbe divenuto uno dei più ricchi uomini al mondo.

Nel 1982 il personal computer finì sulla copertina del Times come "persona dell'anno". Da allora, sotto i ponti sono passati interi oceani: il 5150 aveva un processore Intel da 4,7 megaherz, quasi mezzo milione di volte più lento dei computer attuali. Ma già allora aveva una potenza di calcolo e una capacità di memoria superiori a quelle utilizzate per mandare l'uomo sulla Luna.