ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
28/6/2006

Potere alle sick girl

Ecco le pin up in versione spaghetti

Arrivano le sick girl, look da ragazze cattive cattive, post-pin up, anche se un po' alternative, in versione "spaghetti", armate di tacchi e  giarrettiera. Ragazze della porta accanto, che hanno deciso di uscire fuori dal gregge e di crearsi un'immagine un po' trasgressiva. Per salvare il mondo dalla mediocrità e dalla banalità. Il loro motto? Sovversione dei canoni estetici, basta con le veline, basta con le brave ragazze, che frequentano il corso di ricamo e uncinetto!

Foto tratta da www.myspace.com

Alla conquista del mondo! A cominciare da quello multimediale. Sul web infatti le sick girl sono una vera potenza. Hanno un sito (www.sickgirl.it) e una community e si presentano come "dolcezze sbandate, creature incantevoli, rogne del sabato sera, ironiche bellezze senza scrupoli... Le Bad Bad girls, quelle che ti fan girare la testa, dolci peccati mortali, lo spauracchio delle fidanzatine buone e premurose, le canaglie che il prete ti aveva detto di non maritare!! Le più disastrose catastrofi della città!! Le più sante, se ci fossero meno porci, quelle che ti faran diventare cieco se continui così! Le figlie segrete di betty page!!" Insomma le pin up del 2000.

In realtà sono semplici ragazze, c'è chi studia, chi lavora e poi, nel tempo libero si trasforma in sick girl.
L'idea arriva dall'America dove le loro compagne, le Suicide Girls, hanno già creato un fenomeno di costume.
E allora perchè non creare qualcosa di simile, ma tutto made in Italy? Roba italiana insomma. "La versione spaghetty della pin up del 2000 (!) cosa che mai potranno rubarci oltreoceano.. noi siamo qui loro sono in america..."

A differenza delle Suicide Girls, poi, anti-playmate per antonomasia, che propongono prevalentemente nudo a pagamento e online, anche se un nudo fai-da-te, in netta opposizione a quello tradizionale, con foto scattate da se’ e senza remore nel mostrare segni e imperfezioni fisiche, le sick girls si spogliano di meno. Al massimo rimangono in topless e spesso nemmeno in quello.
Si rivendono invece come modelle "alternative" per servizi fotografici e si propongono per spettacoli a metà tra il cabaret e il vaudeville, con un pizzico di burlesque, che non guasta mai. Erotismo teatrale con un pizzico di ironia, lo definiscono loro, "diamo un aspetto teatrale all'erotismo che altrimenti preferiremo vivere a casa nostra... "

Un tipo di spettacolo che nasce dai vaudeville show di fine Ottocento-primi Novecento, quando gli sketch diventano un po' più piccanti e le barzellette più sporche, le allusioni sessuali più frequenti e le ballerine più discinte, maliziose e ammiccanti.
Si tratta di spettacoli nei quali lo spogliarello è il numero più atteso, interpretato in modo raffinato e teatrale.
Fu un vero fenomeno di costume, tanto che negli anni Quaranta e Cinquanta alcune star del Burlesque, come Lily St Cyr, Sally Rand e Tempest Storm, diventarono autentiche dive.
Le sick girl lo ripropongono con un programma che spazia dai classici numeri di successo negli anni 50 a nuovi sketch interpretati in chiave punk rock, il"neo-burlesque" appunto, una danza tra erotismo e ironia, simpatiche gag, musical, performance e molto altro. Nascono dalla voglia di fare a pezzi noia e benpensante perbenismo queste figlie arrabbiate delle pin up anni `50, che vogliono dare sfogo alle loro fantasie creative.