FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

LʼEquipe: il caso Pogba. E il Chelsea è pronto allʼassalto

Risolta la questione dei diritti dʼimmagine a favore del francese, che ora potrebbe lasciare Torino

L'Equipe: il caso Pogba. E il Chelsea è pronto all'assalto

"Il caso Pogba". Così recita la prima pagina de 'L'Equipe'. Secondo il quotidiano francese, il centrocampista della Juve e dei Bleus, al centro di una battaglia che dura da 18 mesi per i suoi diritti di immagine, avrebbe pagato 10 milioni per liberarsi da un accordo con Oualid Tanazefti, consigliere che segue il francese dai tempi del Le Havre, e tornarne in possesso. Una mossa che faciliterebbe la sua partenza da Torino.

E il Chelsea, dopo aver visto respinta un'offerta di 90-95 milioni di euro a gennaio, è pronto a tornare all'assalto del francese e metterlo di nuovo a disposizione del prossimo tecnico dei Blues Antonio Conte. Per quanto riguarda la questione dei diritti d'immagine, secondo l'Equipe, per scongiurare una contesa che avrebbe potuto finire in Tribunale, l'agente di Pogba Mino Raiola avrebbe stipulato un patto riservato con il vecchio consigliere Tanazefti pagando 10 milioni di euro. Cifra che altrimenti avrebbe dovuto essere versata dal club acquirente e che invece verrà recuperata attraverso un accordo con Adidas (2,5 milioni all'anno per quattro anni).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali