FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Atletica in lutto: è morta Annarita Sidoti

La campionessa europea e mondiale si è arresa alla lunga malattia a soli 45 anni

Atletica in lutto: è morta Annarita Sidoti

Il mondo dell'atletica piange la morte di Annarita Sidoti. La marciatrice italiana, campionessa europea e mondiale e madre di tre figli, si è arresa a una lunga malattia che la tormentava dal 2009 a soli 45 anni. La Sidoti è stata una delle atlete azzurre più vincenti con un oro mondiale, due ori e un argento agli Europei nella sua specialità, la marcia sui dieci chilometri. Con i colori della Nazionale 47 presenze, tre Olimpiadi e sei Mondiali.

Atletica in lutto: è morta Annarita Sidoti

La Sidoti è stata una delle più grandi campionesse dell'atletica italiana, una delle più vincenti in assoluto: Campionessa europea a Spalato 1990, quando aveva solo 21 anni, centrò il bis continentale otto anni dopo, a Budapest 1998, non prima però di essere riuscita a vincere anche l'oro mondiale, sulla pista di Atene, nel 1997. E' stata letteralmente una colonna della marcia in Italia (47 presenze in azzurro, tre partecipazioni olimpiche, sei mondiali), probabilmente penalizzata dall'allungarsi delle distanze dai 10km originari fino agli attuali 20km, distanza sulla quale firmò comunque un prestigioso 1h28:38.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali