ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità

19/6/2007

Carboni-Valencia, rottura consumata

L'italiano non sarà più il ds del club

Amedeo Carboni non è più il direttore sportivo del Valencia. Ad annunciare l'allontanamento dell'ex giallorosso è lo stesso club spagnolo, tramite una nota sul proprio sito internet. L'italiano paga la lotta intestina con il tecnico Quique Sanchez Flores, confermato dalla dirigenza. Non è dato sapere se l'ex ds resterà nei quadri societari con altre mansioni, ma solo che la sua carica verrà occupata da un'altra persona.

Un anno di screzi, continui e inesorabili. Una stagione vissuta con il coltello tra i denti, a suon di ripicche e mugugni d'ogni sorta. Alla fine, la dirigenza del Valencia è stata costretta a prendere una decisione definitiva, che ponesse fine alla diatriba tra il tecnico Quique Sanchez Flores e il direttore sportivo Amedeo Carboni. L'ha spuntata il primo, che incassa la conferma da parte della guida del club e l'allontanamento del 'nemico'. Infatti, nella serata di martedì, un comunicato apparso sul sito internet della società iberica conferma l'interruzione del rapporto tra l'ex giallorosso e il club bianconero. Non è un licenziamento, ma ne ha tutta l'aria. Nonostante resti la possibilità che Carboni rientri nei quadri dirigenziali in altra veste, quella certificata dalla nota on-line è una bocciatura senz'appello.

La nomina a ds risale al 19 maggio dell'anno scorso, ma fin da subito si crearono frizioni con la guida tecnica, divenute insanabili nel corso della stagione. Una diversità di vedute speculare a due caratteri antitetici, che non ha certo giovato alle sorti della società. I dissapori non si sono mai affievoliti e anche le tregue passeggere, imposte dai vertici dirigenziali, non hanno mai retto. Ora, l'unica cosa certa è che il posto di Carboni verrà affidato a un'altra persona, ancora da identificare. Probabilmente verrà annunciata a giorni, ma è molto probabile che la scelta andrà nella direzione di una personalità in grado di mediare con l'estroso allenatore, senza arrivare agli scontri frontali che hanno caratterizzato la vicenda personale dei due 'contendenti' di questa stagione. Un po' la situazione venutasi a creare a Madrid, tra Fabio Capello e Predrag Mjiatovic, anche se in quel caso parrebbe che entrambi possano pagarne lo scotto.