ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità

31/5/2006

Rissa scudetto: 13 mesi a Mazino

2 turni a campo della Benetton Treviso

Il giudice sportivo della Federugby ha colpito con pesanti sanzioni i protagonisti della maxi rissa avvenuta al termine della finale scudetto tra Ghial Calvisano e Benetton Treviso: il campo dei veneti è stato squalificato per 2 giornate, 13 mesi di interdizione per il trevigiano Herman Mazino, con sanzione che avrà inizio "il giorno antecedente quello che la Federazione fisserà come inizio del prossimo campionato".

La gara si è disputata sabato 27 maggio, allo stadio Brianteo di Monza, tra la Benetton Treviso e il Ghial Calvisano e si è conclusa con una violenta rissa in campo. Sono stati ritenuti colpevoli di illeciti tecnici: Herman Mazino, tesserato della Benetton Treviso, "segnalato dall'arbitro alla fine della gara, per infrazione dell'articolo 27/1 lettera i), 9 mesi di interdizione; tenuto conto delle circostanze aggravanti di cui all'articolo 9/1 lettera c del regolamento di giustizia, 13 mesi di interdizione a partire dal 28/5/2006, dies a quo che, peraltro in considerazione ed applicazione del disposto della delibera federale del 27/5/2006 viene contestualmente sospeso nel suo iniziare proprio a far data dal 28/5/2006, in quanto data considerata quale quella finale del campionato d'eccellenza, per iniziare effettivamente il giorno antecedente quello che la Federazione fissera' come inizio dello stesso campionato edizione 2006/2007". Squalifica del campo per 2 giornate e multa di 2.000 euro per il Benetton Treviso.