ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità

18/5/2006

Moggi, un uomo al telefono

Tutte le ultime intercettazioni del dg

Moggi illustra a Giraudo la mobilitazione mediatica contro Paparesta dopo Reggina-Juve del 6.11.2004
MOGGI: "Allora, ho parlato con tutti e due, adesso li facciamo fori tutti quanti.. E poi ha avuto il coraggio di chiamarmi pure il soggetto (Paparesta, ndr), gli ho detto che ero al telefono"
GIRAUDO: "…ma pensa te, ma pensa te (…)"
MOGGI: "Ma io infatti stamattina gli ho detto: con te non ci voglio parlare! Poi ho preso e gli ho riattaccato il telefono... Noo… ci vuole pure una dose di sfacciataggine, te lo dico io! Poi ho parlato con Paolo (Bergamo) e con l’altro"
GIRAUDO: "per me devono massacrarli eh! Devono massacrarli sia a Coverciano che poi non farli… per due mesi… due mesi devono star fuori…"
MOGGI: "ma che scherzi? Ora poi, domani, a Paparesta gli faccio levà la patente con l’obbligo di ridarmi i danni entro 15 giorni altrimenti è affiliato alla Legione Straniera! Vedrai che glielo faccio! Domani sera gli faccio un culo al Processo. Poi oggi non c’è bisogno ma le moviole le movimento tutte! A parte il fatto che non ce ne è neppure bisogno, lo fanno da soli, ma li alimento io stavolta!".

Paparesta chiama il designatore Pairetto per spiegargli gli errori commessi in Reggina-Juve
PAPARESTA: "…speriamo bene oggi e speriamo che pure le trasmissioni non c’attacchino più di tanto… …ehh.. li sai poi… a volte sai questi si muovono, fanno parlare gli altri magari, eh?... …sa essere così… sai… poi magari qualcuno preferisce non… non esporsi… in prima persona..."

Tullio Lanese, presidente dell’Associazione italiana arbitri chiama Moggi, e parlano del caso Reggina-Juve
MOGGI: "Rimani, ma… 5 minuti, eh"
LANESE: "Eh, lo so gioia e ho avuto una riunione qua un minuto…"
MOGGI: "Che è successo?"
LANESE: "No, per la storia dei fumatori, perché dobbiamo dare la circolare che… c’è… questa disposizione di Carraro a tutti gli arbitri di tutte le categorie. Ti avevo chiamato perché ieri ho visto questo stronzo del papà".
MOGGI: "Eh…"
LANESE: "Lui addirittura vorrebbe più di quanto si è detto… Io ho detto: guarda io intanto c’è sta cosa se tu eri presente, faccio in modo di farti salire al 100%, per altre cose ne parliamo più in la. Perché gli ho fatto capire che non se le merita, non si fa, perché mi ha rotto i coglioni, guarda io… perché io… non ti quello che ho vissuto in tv, ero incazzato come una belva".
MOGGI: "È una cosa incre… è.. è… era una cosa incredibile".
LANESE: "Lo so, non mi dire, cioè io so tutto perché l’osservatore è un mio amico e m’ha detto che t’ha visto entrare, cosa gli hai detto, dice: ma io che devo fare? Tu, gli ho detto, non c’eri e ti fai i cazzi tuoi eh…eh…eh… (ride), giusto?"
MOGGI: "E ma gliene ho dette di tutti i colori eh?…"
LANESE: "Lo so, lo so, so tutto, gioia…"
MOGGI: "A lui, agli assistenti…"
LANESE: "La prossima settimana vengo perché ti voglio parlare personalmente. Senti ho bisogno ‘na cortesia, oggi…"
MOGGI: "Ma eh… mercoledì, tieni conto che io so’ a Messina per… con la Nazionale".
LANESE: "Ah, vieni… e stiamo insieme, vieni a casa mia, caso mai aoh!"
MOGGI: "Ci organizziamo".
LANESE: "Stiamo un po’ a casa mia che è meglio, guarda".
MOGGI: "Va bene, va…"
LANESE: "Ti volevo dire, oggi c’è un mio amico la, gli puoi dare un…, un paio di magliette per, per i miei figli?"
MOGGI: "Si hai voglia, hai voglia".

Il 12 novembre Bergamo chiama Di Mauro, guardalinee di Reggina-Juve (2-1), arbitrata da Paparesta
DI MAURO: "ho sentito Gennaro (Mazzei, designatore degli assistenti dell’arbitro, ndr) nella giornata di ieri, e, niente, per parlare per sentirlo, lui mi ha detto, guarda che Paolo è incavolato con te… e ho detto: scusami per quale motivo? No, dice, è incavolato con te per la faccenda di domenica …"
BERGAMO: "Gennaro non ha detto esattamente le cose perché, oltretutto, ne abbiamo parlato insieme… noi abbiamo visto i filmati, i filmati dobbiamo rivederli insieme perché dal filmato quello che tu segnali non è assolutamente il fuori gioco è un fallo…. e è un fallo, perché segnali smuovendo la bandiera… (…) comunque Paparesta a me non interessa niente, noi abbiamo solo esaminato il filmato e nel filmato si vede esattamente la tua segnalazione ritardata, rispetto al fuori gioco e che non è una segnalazione di fuori gioco perché segnali smuovendo la bandiera a mò di fallo, per cui noi siamo convinti che tu abbia segnalato un fallo di mano…"
DI MAURO: "Paolo,… Paolo io non … per l’amor di … allora Paolo ti voglio dire una cosa…"
BERGAMO: "Anche perché, scusami ti finisco, te l’avevo già detto nell’immediato questo… anche perché se tu avessi segnalato il fallo diii… il fuori gioco, è assolutamente impensabile che tu non fossi rimasto su…"
DI MAURO: "Paolo io ti ho detto una cosa, e ti ho dato questa giustificazione: quello che ho pensato è quello che ti ho detto, è quello che ti ribadisco… (…) Paolo io, in questo caso, riconosco di aver sbagliato, ho abbassato e sono rimasto fermo perché ho visto che non si faceva… è soltanto un ragionamento che a noi ha creato un sacco di problemi, perché naturalmente a chi vede le cose e anche agli altri assistenti, la voce comune è questa capito…"
DI MAURO: "Paolo, Paolo, Paolo… per onestà, per onestà, per onestà ti dico questo: io sulla linea laterale, e te l’ho già detto, Camoranesi mi ha chiesto: gli ho detto il goal è annullato per fuorigioco, siamo scesi sotto le scale è venuto Tancredi, appena siamo scesi sotto le scale, è venuto Tancredi, il preparatore dei portieri della Juve è venuto Thuram, mi hanno chiesto, qual è il motivo dell’annullamento, io gli ho detto: la posizione di fuori gioco di Kapò… Paolo te lo giuro, non dovessi avere la vista degli occhi da domani mattina, mi devi credere, mi mortifico come uomo…"
BERGAMO: "!Noi, ascoltami… noi siamo di fronte ad una segnalazione fatta male…e quindi sai come"
DI MAURO: "Fatta male, te l’ho riconosciuto…"
BERGAMO: "E quindi sai, come vedi, anche Paparesta è andato in serie B, quindi noi dobbiamo sempre dare dei segnali…"
DI MAURO: "Ma no Paolo, a me non interess.. Paolo scusami.. non mi interessa che non esco, che non mi designi fino al 2007, non mi interessa nulla, te lo giuro sui figli… mi devi credere, nella mia testa in quel momento è venuta solo e esclusivamente la segnalazione di fuori gioco, te lo giuro sui figli, non dovessi avere, no mi devi credere, mi devi credere Paolo… (inizia a piangere) non mi puoi dire una cosa del genere, mi mortifichi come uomo… non mi interessa, io domani se non mi credi ti mando la lettera di dimissioni, ma questo… Paolo… "

Il 14 novembre De Santis chiama Manfredi Martino (impiegato Federcalcio alla Commissione arbitri), parlano di aspetti tecnici dell’incontro Lecce-Juve da lui arbitrata lo stesso giorno e in particolare di due fuorigioco non visti dall’assistente Cennicola
DE SANTIS: "…e insomma va, comunque tutto a posto Pasquale (D’Addato, osservatore della partita, che da i voti all’arbitro per poi stilare le classifiche di merito,ndr) è un trionfo, che vuoi de più?..."
MARTINO: "…di a Pasquale de non sfondarlo…"
DE SANTIS: "gli ho detto 8 e 60… che ha pattuito…"

Il 7 gennaio 2005 Lanese (presidente Aia) e l’osservatore Alberto Boschi parlano di Parma-Juve, arbitro De Santis, del giorno prima
BOSCHI: "... Per ammonire un giocatore della Juve uno debba da una coltellata, altrimenti non ammonisce, eh. Dopo 20 minuti, Zebina ha fatto il classico fallo da tergo proprio una randellata dietro, niente... e Montero esce fuori dall’area per fare un fallo tattico a tre quarti di campo buttando giù l’uomo, niente"
LANESE: "Ma negli spogliatoi chi c’era? Contestazione?"
BOSCHI: "No, no non c’era nessuna contestazione, no no no nessuna contestazione a parte il fatto che sono entrato negli spogliatoi e chi c’erano? Indovina?"
LANESE: "Moggi Moggi"
BOSCHI: "Bravo Complimenti! Ah ciao come stai? Stai bene? Gli ho detto io sto bene. Ti faccio tanti auguri e certo li faccio anche a te tanti auguri. Poi dopo è uscito e abbiamo parlato con De Santis, però, io ho parlato poi con loro e comunque guardate io non lo penalizzo col voto perché chiaramente quella era una partita che forse era meglio che lui non ci andasse per tutti i risvolti psicologici, però ricordatevi che come gestione questo qua non è una cima eh"

De Santis chiama Bergamo e gli riferisce un discorso fatto a Moggi
DE SANTIS: "Senti Lucià tra me Paolo e Gigi non c’è nessun tipo de problema, è inutile che poi sicuramente qualcuno ci sta perché cercherà sempre, vuoi o non vuoi, perché cerca o perché io certo discorso che si fa cioè in giro il discorso che posso andà a fa il mondiale e quindi rode a qualcuno è normale, che il posto di Gigi e Paolo è ambito e quindi la gente ehhh, gli arbitri ehhh (...)"
Poi parla del figlio della segretaria Fazi da sistemare in Figc "Perché io gli ho detto vedi, vi perdete in un bicchiere d’acqua perché lì hanno sistemato cani e porci dico alla fine vuoi o non vuoi devi da atto a sta donna che se messa da parte zitta e buona e quindi mi sembra quantomeno il minimo sistemarla come meritava….. allora m’ha detto no no eventualmente ehhh, no dico adesso quindi a Fabrizio il contratto bisogna scriverlo minimo sei mesi come hanno fatto agli altri…"
BERGAMO: "…Sì, ma quel qualcosa io so convinto che quel qualcosa è quel lavoro che Grazia faceva per la Can ma che era un lavoro che faceva per noi, per mantenere certi equilibri non per se stessa o perché aveva preso troppa forza nei nostri confronti perché se magari una volta poteva fare una telefonata tanto per dire a Meani (dirigente Milan, ndr)…era una telefonata che poi ci riportava e noi si gestiva nel miglior modo per non creare turbamenti all’andamento del campionato del resto l’altro anno il campionato l’ha vinto il Milan perché era più forte…(...) l’altro anno lo snodo fu quando lei ha comprato i materiali a Ayroldi (l’arbitro, ndr) e Ayroldi nella gara, che lei li ha pagati naturalmente a prezzo di costo. E proprio in quel periodo lì lui andò a far la Roma e non dette un rigore clamoroso contro la Roma perché Farina (quarto uomo, ndr) non glielo fece dare noi si sa come andò quella storia lì, lui mentre mentre si porta il fischio alla bocca Farina gli fa no no no no no no no e infatti quello non lo dà… "

Moggi parlando con il dirigente della Federazione Mazzini dei poteri del calcio e di Carraro chiama in causa Geronzi
MOGGI: "Geronzi gli ha detto quello che ho detto io! Non te preoccupà"
(Successivamente commentando un possibile cambio di rotta di Carraro una volta rieletto)
MOGGI: "No! Non può! Ora, ora gli metto le mani tramite il padrone della Banca, lascia fare a me"

I rapporti tra Luciano Moggi e il banchiere Geronzi sarebbero agevolati dal vincolo societario che accomuna entrambi alla Gea. Il 28.10.2004, conversazione tra Chiara Geronzi ed Alessandro Moggi.
A.MOGGI: "Senti Chiara, c’era mio padre che voleva incontrare tuo padre".
C. GERONZI: "Ma sì, quando vuole! Quando viene a Roma tuo papà?"
A.MOGGI: "Boh, m’ha detto, penso giovedì o venerdì, dopo che torna da Monaco la prossima settimana"
C.GERONZI: "Va bene. Io intanto parlo con la segretaria e poi ti faccio sapere un po’ come è messo con gli orari"

Luciano Moggi chiama il moviolista del Processo di Biscardi, il 18.01.05, dopo una trasmissione
MOGGI: "Eccomi Fabio".
BALDAS: "Luciano m’hanno fatto a pezzi!"
MOGGI: "T’hanno fatto a pezzi?"
BALDAS: "Perché so, cioè no fatto a pezzi insò... e io ho retto mi hanno attaccato da tutte le parti mi hanno dato dello juventino! (...)"
MOGGI: "E ma ora aumento io la dose della gente lì..."
BALDAS: "M’han tagliato a metà Dio bono no?! Cioè attacchi da tutte le parti adesso io ho cercato..."
MOGGI: "Va bè ma a te che te ne frega degli attacchi da tutte le parti (...) L’importante è che ti difendo io no (...)"
BALDAS: "No no ma tanto Luciano tu sai che su di me puoi contare no? Mi dispiace che non avevo manforte (...)"
MOGGI: "Adesso rinforziamo, adesso rinforziamo gli ormeggi va’ tranquillo!"

Il 24 gennaio 2005 altra telefonata tra Moggi e Baldas nella quale Moggi, appare come il vero “regista” del Processo di Biscardi. Moggi ricorda di aver inviato alla redazione una videocassetta con degli episodi sfavorevoli alla Juventus.
MOGGI: "Di che parli stasera?"
BALDAS: "Di tutto! (...) Inter-Chievo il gol di Vieri annullato col fuorigioco che non c’è".
MOGGI: "E quello lì, era un gol che l’arbitro ‘n ci’ ha mica colpa eh!"
BALDAS: "No no no l’arbitro difatti non possiamo (...) e poi, poi facciamo vedere... se riusciamo facciam vedere Lazio- Sampdoria!"
MOGGI: "No quella no perché i due rigori c’erano tutti e due Cruciani è il miglior arbitro di quelli nuovi".
BALDAS: (ride) "Sì sicuro va bene" (ride).
MOGGI: "Quello allora diciamo non c’è tempo".
BALDAS: "Eh ecco quello se non c’è tempo è meglio me lo devi dì (...) me lo devi dire tu però!"
MOGGI: "Te lo dico io te lo dico io. (...) Adesso ti do un suggerimento. Ho mandato una cassetta no?!"
BALDAS: "Sì"
MOGGI: "L’hai vista questa cassetta?"
BALDAS: "No"
MOGGI: "E allora fattela vedè prima che io arrivo. (...) Sul Milan puoi menare eh?"
BALDAS: "No perché quelli del Milan... loro ne fan vedere due, uno sicuramente c’era quello di Shevchenko ma l’altro dirò che non c’era. Almeno che tu non mi dica che..."
MOGGI: "No no non c’era non c’era".
BALDAS: "Ecco bon va bè".
MOGGI: "Coppelli ne fa di tutti i colori oh"
BALDAS: "E lo so".
MOGGI: "L’hanno preso pure per i campionati del mondo ma mo lo faccio cancellà io".

Moggi chiama il giornalista Franco Melli e gli indica cosa dire durante la trasmissione di Biscardi, il 24.1.2005.
MOGGI: "Stasera ci so pure io dico a..."
MELLI: "Ah ci sei?"
MOGGI: "Sì"
MELLI: "Ah e va bè allora. Comunque le cose mi sembrano..."
MOGGI: "Li.. li.. li.. li rimbalziamo!"
MELLI: "Sì sì li rimbalziamo ‘n te preoccupà." (...)
MOGGI: "E quello lì a Farina gli facciamo dà addosso"
MELLI: "Sì sì" (...)
MOGGI: "Se dicono di Del Piero io la tesi che tengo che Del Piero non è apprezzabile, è un giocatore importantissimo per la Juventus"
MELLI: "Certo, certo. (...) Certo ma poi noi dobbiamo dì che non è un caso hai capito?"! (...)

Moggi, il 7.3.2005, chiama la redazione del Processo di Biscardi (e parla con Elisabetta) durante la trasmissione per protestare contro il giornalista Giorgio Martino che sta difendendo la Roma
MOGGI: "Quando si ferma, digli un pochino che difende tanto i romanisti, basta parlà dell’assalto al pullman, diglielo che te l’ho detto io"
ELISABETTA: "Che cos’è che gli devo dire?" (...)
MOGGI: "E sta parlando quel gaglioffo di Giorgio Martino. Ma toglietegli almeno la parola, porco cane".
ELISABETTA: "Va bene, ok, glielo dico".

Alcuni giornalisti inviati agli incontri di calcio, si sarebbero prestati a fare da osservatori tecnici, per conto di Moggi. Il 13.12.2004 Moggi parla con Gianni Di Marzio, ex allenatore e commentatore, dell’esito del suo lavoro di osservatore per conto della Juventus dopo aver visto Milan-Fiorentina. La domenica successiva la Juventus avrebbe affrontato proprio il Milan.
DI MARZIO: "Ti voglio dì io ieri sono stato a Milano per la partita, naturalmente ho fatto tardi poi a fa tutta la relazione al computer... che stamattina gliela mando a Capello. Però poi a mezzanotte m’ha chiamato Antonella Biscardi dicendo senti se puoi venì a Roma domani sera per il processo"
MOGGI: "Sì vai vai vai vai"

Il 23.12.2004 Luciano Moggi riceve una telefonata da Antonella Biscardi (LA7) che chiede il permesso di impiegare come telecronisti l’ex calciatore juventino Conte e l’ex allenatore Di Marzio.
A.BISCARDI: "Allora io ho chiamato Conte per sentire, prima di tutto, se lui fosse disponibile a fare, ogni tanto il commentatore. (...) Allora, vabbè, abbiamo avuto un problema economico, perché ovviamente il budget non è altissimo, e lui voleva insomma un’altra. una cifra, un’altra cifra (...) Lo può fare secondo te?"
MOGGI: "Si, si! (...) E concordiamo le cose per non mandarlo allo sbaraglio, eh! (...) Quanto gli dai?"
A.BISCARDI: "Guarda, ti spiego, io ero arrivata a 1000 euro, a partita, lui no, no, cioè, no, ha detto va bene, fammi parlare col direttore, fammi sentire, però voleva sui 1500. Io ci arrivo sui 1500, di più no!"
MOGGI: "Te ne do io uno di quelli bravi per queste partite qua"
A. BISCARDI: "Gli devo da de più?"
MOGGI: "No, 1500 va bene, ma te ne do uno io di personaggi per il digitale"
BISCARDI: "E dammeli, dammeli. Ma dai".
MOGGI: "Gianni Di Marzio". (...)
A. BISCARDI: "... guarda, a bordo campo, se vuoi, se c’hai una ragazza di bordo campo, che ti piace, ancora c’ho una persona da mettere in bordo campo"
MOGGI: "Ed allora tieni fermo lì che ti trovo io il bordo campo"

Moggi sarebbe intervenuto anche sulla Rai per far seguire le partite della Juventus da giornalisti a lui compiacenti. Il 7.11.2004 Moggi riceve una telefonata da parte di Ciro Venerato, giornalista di Raisport.
VENERATO: "So Ciro Lucià, scusa se disturbo. Grazie per ieri per il passaggio e per tutto è. Te volevo di due cose: la prima è una buona notizia, la Sanipoli (altra giornalista Rai ndr) non te la mando penso per i prossimi sette anni, c’ho parlato io con Ignazio (Scardina, capo redattore di Raisport ndr) e gli ho spiegato un po’ di cose"
MOGGI: "La po’ anche mandà tanto io non li faccio magnà"
VENERATO: "Però poi gli ho detto: Oh, domenica mandami a Lecce mi piacerebbe, insomma, visto che sto lavorando bene, pure ieri. Hai visto Luciano? Subito te l’ho mandato in onda e cosa, e mi ha risposto, ce devo pensà... Se tu gli fai uno squillo"
MOGGI: "Sì vabbè, ci penso io"
VENERATO: "Te ne ricordi?"
MOGGI: "Sì, sì"
VENERATO: "È, perché lui domani fa le convocazioni. Tu lo sai lui il lunedì scrive la griglia, se tu in giornata gli fai uno squillo, giusto così, con una scusa qualsiasi"
MOGGI: "Ci penso io. Moggi parla con Scardina mentre Venerato è in linea su un altro telefono"
MOGGI: "Dai, fammi un favore? Ti chiedo un favore una volta, mandamelo laggiù, dai, tanto spese non ne hai perché lo riporto io con l’aereo (...) Una volta che ti chiedo una cortesia me la devi fa, dai, ma che te impegni, che te impegni dai, sì mandami lui".

Dopo la partita Venerato chiama Moggi per complimentarsi per la vittoria della Juventus sul Lecce
VENERATO: "Ciao Lucià, ti volevo salutà, Ciruzzo"
MOGGI: "Dimmi"
VENERATO: "...che mai come oggi ho goduto per una vittoria alla faccia di quello str... (Il Lecce era allenato da Zeman ndr). (...) Ti volevo dì alla Domenica Sportiva c’è in collegamento dal Lecce il nostro amico Zeman"
MOGGI: "Vediamo cosa gli fanno dire e poi decidiamo il da fare... sovrapposizione di voci..."

Moggi e il figlio parlano dell’acquisto di Mutu che diventerà poi un calciatore della Juventus
A. MOGGI: "Senti, ti volevo dì, allora, domani c’è la sentenza di Mutu, no? Della squalifica,. potrebbe essere anche di sei mesi, io ieri ho preso la procura di Mutu"
L. MOGGI: "Vedi se lo lasciano libero, lo prendiamo subito noi"
A. MOGGI: "È libero, è già libero"
L. MOGGI: "Allora lo prendiamo noi"
A. MOGGI: "Eh, io questo ti volevo dì! Perché io ora devo parlà un po’ in giro. Però se interessa a voi..."
L. MOGGI: "Ma come in giro? Questo si prende subito"

L’inchiesta svela come Luciano Moggi utilizzasse la Gea per garantire “favori”. Telefonata con il figlio del 19.10.2004
L.MOGGI: "Ascolta ti mando un ragazzo che abita a Roma, praticamente è un conoscente lì di De Cesari della Federazione (ufficio rapporti internazionali della Figc ndr) e lo estradi un pochino perché è uno che vorrebbe entrare nel calcio come procuratore. Te lo mando la prossima settimana"
A. MOGGI: "Va bene"

Il presidente del Messina, Pietro Franza, partecipa a una riunione con Della Valle. Luciano Moggi subito dopo la chiama. Moggi si lamenta anche per lo scarso pubblico alla partita della nazionale a Messina
MOGGI: "T’ho visto ieri all’assemblea, alla riunione di Della Valle"
FRANZA: "Sono andato a vedere n’attimino che..."
MOGGI: "Guarda che ‘n ci devi mica andà però eh! Quanto meno avvisami scusa eh!"
FRANZA: "Eh no ma è stata una cosa perché stavo lì a Bergamo, allora m’hanno chiamato che stavano tutti quanti là... E infatti t’ho chiamato prima.. un’ora fa ho provato a chiamarti! Ti volevo..."
MOGGI: "Però non ci devi andà perché sennò cominciano i giornali" (...)
MOGGI: "N’altra cosa. Ho fatto una pessima figura con la nazionale eh! M’avevate garantito trentamila, quantomeno gli abbonati io sennò quella partita lì veniva fatta da un’altra parte"
FRANZA: "Eh, ma scusami Luciano, era una partita amichevole"

In un’altra occasione dopo una puntata del Processo di Biscardi nel quale Moggi ha difeso, ;e fatto “assolvere”, l’arbitro Pieri
FRANZA: "Porca t... se ti assume Berlusconi per i suoi processi, pure Previti c..., li fai passare tutti..."
MOGGI: "Ah ma scusa quando uno non è colpevole io..."
FRANZA: "Minc... è stato bellissimo!"

È Natale e il gruppo Franza regala a Moggi un televisore da 25 mila euro (un prototipo ultrapiatto 1,80x1). La moglie di Moggi, Giovanna Regoli, il 5.1.2005 chiama il marito.
REGOLI: "Io so rimasta scioccata, guarda"
MOGGI: "Che è successo?"
REGOLI: "Mamma mia"
MOGGI: "Ti faccio vedè il cine (...) So rimasti a bocca aperta tutti, so rimasti"
REGOLI: "So rimasta a bocca aperta anch’io"
MOGGI: (...) "dovemo fa pagà il biglietto per venì a vedè quel televisore?"

Il presidente Lillo Foti della Reggina al telefono con il designatore Bergamo, il 4.1.2005, parlano di arbitri.
BERGAMO:...essendo la partita che tu sai e molto delicata, l’avevamo messa dove c’era un gruppo molto nutrito di amici, e penso che sia andata bene, dai, penso che sia andata bene (...)

La Gea organizza la manifestazione Expogoal. Alessandro Moggi parla con Riccardo Calleri, vicepresidente Gea, per l’assegnazione del servizio catering alla società della figlia di Adriano Galliani.
A.MOGGI: "Siccome lui lo sapeva, no? Galliani Adriano?"
CALLERI: "Eh, ah!"
A.MOGGI: "Ecco! Allora mi sembra di intuire che gli interessi abbastanza. Quindi se riusciamo vediamo di chiuderla così ci ci rendiamo..."
CALLERI: "Me lo immaginavo. Ma li ho chiamati io, eh? Infatti!"

Moggi spiega a Giraudo come ha agito per tutelare i giocatori juventini
MOGGI: "No, Bé… Camoranesi c’ha un po’ il ginocchio gonfio, gli ho detto a Marcello e gli ho detto anche di… di coso… Gli ho detto anche di Cannavaro… Eh, sì, esatto! Di non farlo giocare, lo mette in panchina, perché sai, lui è appena rientrato, sennò va a finì che la Nazionale ce li manda tutti mezzi… E poi… Zambrotta di fargli fa un tempo!"
MOGGI: "Eh, non c’ha giocatori… Ehm... Sì, ma lo sai Cannavaro che mi ha fatto? Eh… Ehm… M’ha fatto telefonà da coso… Perché io gli ho telefonato e gli ho detto: guarda non giochi. Poi ti parlerà l’allenatore, ti dice quello che ti deve dire. E… lui, vabbéé, ma io vorrei giocà, eccetera… Eh… eh… Fabio... Non giochi.... Stasera mi telefona coso, mi telefona Fedele dice: sai c’è rimasto male Fabio… Allora guarda , visto che c’è rimasto male, digli ‘na cosa, qui non siamo all’Inter, no? Il posto in Nazionale non glielo leva nessuno. Gli interessi preminenti sono quelli della Juventus e non rompesse i c... È rientrato da poco, praticamente quindi lui… Ora ci manca che si faccia male con la Nazionale. Ma scherziamo davvero?».

Il colloquio tra Luciano Moggi il garante della nazionale e il procuratore Fedele, giro Gea, che si lamenta del fatto che Cannavaro non ha giocato in Bielorussia. Moggi spiega che la Juventus viene prima della Nazionale.
FEDELE: "Ti ho chiamato perché tengo Fabio che sta, che è rimasto molto male di questo fatto e..."
MOGGI: "Quale?"
FEDELE: "Il fatto che non gioca, che Lippi..."
MOGGI: "E, ma non deve rompere e…"
FEDELE: "Ho capito sai" (arrabbiato)
MOGGI: "Lui, lui deve... ascolta…"
FEDELE: "Ho capito, ma mettiti nei panni suoi…"
MOGGI: "Lui non è più nell’Inter e... voglio dire, è rientrato, ha fatto una partita a distanza di due giorni, non può fare un’altra partita. Non è nell’Inter, deve attenersi a quello che gli dico io"
FEDELE (arrabbiato): "Lui ci teneva per le presenze"
MOGGI (arrabbiato): "Ma ho capito, lui ci tiene, ma io tengo a tanti"
FEDELE: "Allora non lo facessero, non lo facesse andà…, ma non lo facessero andare manco in panchina, allora a questo punto"
MOGGI: "Ma perché, tanto non lo fa giocà…"
FEDELE: "Ma fa il caso che si fa male uno, non lo fa giocare"
MOGGI (arrabbiato): "Ma te non ti preoccupà lascia fa a me… Il problema, praticamente... E volere… Qui si fa in una maniera un po’ diversa, non è che i giocatori dettano legge"
FEDELE (arrabbiato): "Il problema non è questo, io non ti ho detto vuole giocare, io ti ho detto c’è rimasto molto male, che è diverso"
L. MOGGI (arrabbiato): "E vabbè, ma se c’è rimasto male, ci rimane meglio un’altra volta"
FEDELE (arrabbiato): "E vabbè, ha fatto 81, 82 presenze"
L. MOGGI (arrabbiato): "Ma chi se ne fotte, ma tanto chi glielo leva il posto da titolare nella Nazionale, fino a che, fino a che c’è il fiato nostro non ci so problemi. Voglio dire non esiste, lui perché… È Parma, ma chi… qui c’abbiamo il Messina, non è mica una partita facile e poi dopo abbiamo 10.000 giocatori che ci rientrano dalle Nazionali, abbiamo un momento di precarietà con gli attaccanti. Digli che capisca la Juventus e presto, perché non è l’Inter. Qui non si gioca, qui si gioca veramente, ma non si gioca sulle cose, si fa seriamente..."

Moggi avverte subito il ct Lippi delle rimostranze del procuratore Gea per il fatto che Cannavaro non è stato utilizzato
LIPPI: "C’avevi parlato con Cannavaro, poi?"
MOGGI: "Si, glielo dissi!... Dissi…"
LIPPI: "Ah, c’avevi parlato?"
MOGGI: "Si disse in quella maniera e gli parlai"
LIPPI: "Noo, vai tranquillo, eh?"
MOGGI: "però lui… Però lui lo sai che ha fatto, ha fatto una cosa che non mi è piaciuta…"
LIPPI: "Cioè?"
MOGGI: "Ti ha fatto telefonà… Per cosa?"
LIPPI: "Mi ha fatto telefonà da Fedele… Ah, perché, lui in pratica doveva giocare, voleva giocà perché era a Parma, ma gli ho detto, guarda che non so’ mica io l’allenatore, eh? Oh, attenzione! Voglio dire, non… (...)

Lippi ancora al telefono con Luciano Moggi e si dispiace che non gli sia vicino
MOGGI: "Marcello?"
LIPPI: "Pronto?... Oh, Luciano, ciao!"
MOGGI: "Ti lascio solo oggi"
LIPPI: "Ahh, guarda, sei… Sei un parolaio!"
MOGGI: "Quello che posso esse…"
LIPPI: "Perché l’altra volta… L’altro giorno hai detto a che ora è la convocazione, ti ho detto, te non hai orari, puoi venì quando ti pare…"
MOGGI: "Ma ho avuto… Ma ho avuto un piccolo problema… Poi te lo posso dì a voce, ma te lo può dì anche... Ehm…" (è il problema della pomata con effetto dopante non denunciata e per cui dovrà intervenire sul responsabile antidoping Arpino).

>In un’altra occasione il ct avverte Moggi, ricordando i tempi passati in Juventus, che “Striscia la notizia” ha fatto un servizio anti- Juventus. Poi, Moggi parla con il vicepresidente federale Mazzini facendo riferimento all’ultimo colloquio telefonico con il presidente Figc Franco Carraro. Racconta come Carraro abbia reclamato un suo impegno maggiore in nazionale
MOGGI: "C’è un problema, ma un problema molto serio, ascolta… Io, ovviamente, non ho il tempo di stare appresso alla nazionale. Ora, prima parlando con Carraro, gli fa: ma tu m’avevi promesso che… Ma che t’avevo promesso? Ma io sto in Slovenia…. Arrabbiato: A parte quello, probabilmente non ho parlato con lui per certe cose, ma certamente non m’aspettavo mai che l’attacco della nazionale fosse Gilardino-Esposito" (...)
MAZZINI: "Ieri mi è venuto a trovare quel rompic..., , uomo di calcio di Claudino... M’ha detto: Gigiiiii...digli a Luciano fra te e lui, ma specialmente lui e te, cercate di non farlo sbagliare"
MOGGI: "Ma ora... Ieri sera l’ho richiamato"
MAZZINI: "Ma ha ragione secondo te?"
MOGGI: "Ieri sera l’ho richiamato. Intanto gli ho anche detto un’altra cosa. Perché questo va un po’ dato sotto dettato... Tu oggi sei stato a Coverciano?"
MAZZINI: "Ha fatto un po’ d’allenamento, un po’ di schiena ginnica"
MOGGI: "Vabbè... Gli ho raccomandato tutto e gli ho anche detto di non fare l’allenatore, lo deve mettere in panchina e di mettere la squadra nel modo..."
MAZZINI: "E invece a lui..."
MOGGI: "E lo so, ma... se li canta poi so’ c... sua" (...)
MOGGI: "Ti ricordi che ti dicevo io quando Tosatti diceva che deve giocà Gilardino... Ma che cazzo deve giocà"
MAZZINI: "E’ uno giovane che si farà"
MOGGI: "Giardino sta nella rosa, poi so’ cazzi"
MAZZINI: "Il nostro Franco?"
MOGGI: "Carraro?"
MAZZINI: "Mmmm"
MOGGI: "No, ma io gli ho detto che comunque domani vedrai che verrà fuori un’altra squadra. Una squadra più massiccia, una squadra di più personalità... E spero che lo facciano... Spero che lo faccia, tanto davanti deve mette, assieme a Gilardino, purtroppo non ci ha nessuno stavolta, deve mette Totti e non metterlo a centrocampo. Questa..., l’attacco deve essere Gilardino-Totti, e non altri. E poi, dopo, dietro, gli manca... Gli mancano..."
MAZZINI: "Il tuo non lo mette"
MOGGI: "Il mio non lo mette. Deve mette Materazzi"
MAZZINI: "Non sbagliamo è... Gli ho detto"
MOGGI: "Poi c’è anche Pancaro..."
MAZZINI: "Al posto di Zambro".

L’amministratore Giraudo avverte il direttore generale di mettere a tacere Buffon che sta parlando male dei palloni Nike, troppo leggeri
MOGGI: "Aho, allora..."
GIRAUDO: "Volevo chiederti una cosa, poi... Poi parliamo di Galliani, ma Buffon che parla a ruota di..."
MOGGI: "Gli ho già parlato, gli ho già telefonato"
GIRAUDO: "... Tutti i giorni, ma tutti i giorni..."
MOGGI: "No, no, gli ho già telefonato... Gli ho detto, dico, guarda: ti hanno insegnato a farti i c... tuoi e a fare il mestiere tuo. Cerca di farlo"
GIRAUDO: "Questo deve cominciare a parare che piglia di gol del c..."
MOGGI: "No, no, no... Questo non glielo posso dì... Ha parlato male anche dei palloni"
GIRAUDO: "Dei palloni... Ma questo è matto. Ohhh"
MOGGI: "Sì, sì, no... no, ma gliel’ho già, gli ho fatto la ramanzina"

L’allenatore della Juventus, Fabio Capello, viene a sapere dal figlio avvocato che l’Antitrust ha aperto un’inchiesta sulla Gea. Si affretta a comunicarlo a Moggi
CAPELLO: "Sto a casa. Volevo dirti solo una cosa... Rapida, rapida, rapida. Ascolta"
MOGGI: "Dimmi!"
CAPELLO: "Mi ha chiamato mio figlio da Milano, no?"
MOGGI: "Uhm"
CAPELLO: "Che gli han detto... Sicuro, eh... che l’Antitrust, stan cercando i numeri di telefono di tutti i giocatori che hanno avuto a che fare con tuo figlio... Ed interrogarli"
MOGGI: "Co... Con tutti i giocatori"
CAPELLO: "Che hanno avuto a che fare con tuo figlio... No? Con l’agenzia di tuo figlio per interrogarli"
MOGGI: "Uh, eh... Insomma, tanto non credo che..."
CAPELLO: "No, no, io..."
MOGGI: "No! No! No! No! Alla grande, alla grande!"
CAPELLO: "Va ben..."
MOGGI: "Ok! Senti, io sono in sede... Se tu c’hai qualche minuto libero..."

Il generale di finanza Attardi informa Luciano Moggi sulle inchieste sulla Gea della procura di Roma. Il generale Attardi è il braccio destro di Pappa all’Ufficio indagini
ATTARDI: "Tutto tranquillo, però ti volevo parlare un attimo di alcune cose..."
MOGGI: "Ma… Mi sembra che vien tutto tranquillo per ora…"
ATTARDI: "Sì, sì, sì... Ma c’è stata un’evoluzione la settimana scorsa… Una sciocchezza, però…"
MOGGI: "Ma in bene! O in male?"
ATTARDI "Mah! A metà!" (ride)…
MOGGI: "Ah, siiiii?..."
ATTARDI: "A metà, sì!"
MOGGI: "E sempre riguardante…"
ATTARDI: "Quel discorso sì..."
MOGGI: "Delle plusvalenze?"
ATTARDI: "Sì, sì"... (...)
ATTARDI: "Però è giusto che tu abbia il quadro sempre aggiornato"

Il ministro Siniscalco, tifoso della Juventus, si attarda a parlare con Moggi della promozione di un graduato della guardia di finanza
MOGGI: "Se passi a Roma dammi un colpo di telefono, eh!"
SINISCALCO: "Eh, io ‘sta settimana non ce la faccio Domenico, perché"
MOGGI: "Va beh! Quella dopo! Dai"
SINISCALCO: "Però se vengo anche prima ti do un colpo di telefono. Ti invito a colazione e stiamo tranquilli con calma..."
MOGGI: "Tra l’altro, Domenico, io ti volevo domandare un attimo... Ti ricordi quel generale della Finanza?"
SINISCALCO: "Mango? Ah! No, no! Quello prima! Sì, sì, sì"
MOGGI: "Quello Aiell..."
SINISCALCO: "Sì, sì, sì, ne parliamo volentieri..."
MOGGI: "Quello... Se gli si può dare una mano"
SINISCALCO: "Una mano... Certo"
MOGGI: "Vorrebbe cambiare naturalmente. Lui è stato trasferito da Torino a Roma... Non è che gli piace granché (arrabbiato). E’ stato trasferito"
SINISCALCO: "Sì, ho capito, vabbé, ne parliamo con calma. Dai, però, fatti vivo quando sai che vieni, eh..." (...)

Moggi parla con il generale Aielli e gli spiega per la sua promozione ha parlato con il sottosegretario Letta
AIELLI: "...molto carino. Io gli avevo mandato un aggiornamento del mio curriculum perché lo faccio ogni tanto"
MOGGI: "A chi? A Gianni Letta?"
AIELLI: "Avevo fatto ...sì. Avevo fatto l’esame di lingue, gliel’ho detto. Mi ha mandato un cartoncino scritto a mano di pugno su...avevo molto timore perché dall’alto dei suoi quattro quarti di inglese..."
MOGGI: "Senti, adesso no...adesso gli fisso un appuntamento i. Ma deve essere definitivo. Quello mi rimanda sempre l’appuntamento, ma non mi specifica mai il giorno".

Mazzini spiega a Moggi che per portare quel dossier diffamatorio su Diego Della Valle gli ultras della Fiorentina vogliono i soldi
MAZZINI: "Allora, loro son disponibili a dare la documentazione con soldi naturalmente… ad un plenipotenziale di Galliani… O chiunque esso sia… Ora, sarà vero o non sarà vero però merita di andare a vedere secondo me…"
MOGGI (lo interrompe ed elabora una strategia): "Allora io oggi sono da Galliani a Milano… Gliene parlo e ti chiamiamo…"

Moggi parla di Juve con monsignor Danzi: gli dà del tu, lo invita a pranzo e gli chiede di portargli delle donne di pulizia filippine.
MOGGI: "Ascolta un po’, stai a sentire, io sto a Roma, oggi ci vediamo a pranzo, eh, alle 13,15"
MONSIGNOR DANZI: "Ci vediamo a pranzo! Dove ci vediamo a pranzo?"
MOGGI (Luciano chiede a monsignor Danzi il numero di telefono delle ragazze moldave che devono essere contattate. Il prelato non è in grado di fornire le utenze richieste e dovrà chiederle a Padre Simone e di richiamarlo al più presto): "Tu adesso trova le filippine, poi alle 15,30 ci vediamo a pranzo da Tullio".

L’ex questore di Napoli, Malvano, ora candidato sindaco contro Iervolino, aiuta Alessandro Moggi cui hanno rubato l’auto.
Scrivono i carabinieri: “Alessandro chiama la moglie Fabrizia, alla quale dice di aver parlato con il Questore, il quale avrebbe mandato qualche pattuglia. Fabrizia dice che probabilmente l’auto rubata non era assicurata, in quanto non ricordava di aver fatto un bonifico e così devono pagare 20 mila euro alla finanziaria proprietaria. Se se ne accorgevano prima evitavano di fare la denuncia...”.