ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità

22/3/2006

Biaggi: "Nessun addio, tornerò"

"E' incredibile stare fuori"

Parte domenica il Motomondiale 2006, che dopo 14 anni non vedrà al via Max Biaggi. Il centauro romano, appiedato dalla Honda, si è rifugiato negli Usa dove pensa già alla riscossa. "E' stato incredibile rimanere fuori - ha detto in un'intervista a "Repubblica" - A ottobre ero secondo nel Mondiale e ora sono a piedi. Io correrò ancora, questo è certo. Mi alleno tutti i giorni. Non è un addio, ma un arrivderci".

Max Biaggi (Grazia Neri)

Si è rifugiato negli Usa, lontano migliaia di km da quello che fino a qualche mese fa è stato il suo mondo, la sua vita. Max Biaggi ha scelto un periodo di esilio, proprio quando sta per partire il Mondiale 2006 della MotoGp. Domenica da Jerez de la Frontera parte la caccia a Valentino Rossi. "Non so, non ho ancora deciso se la vedrò" ha tagliato corto il centauro romano. Nelle sue parole non è difficile scovare un mix di rabbia e malinconia. "Ma come può uno sport rinunciare a duelli come quello tra me e Rossi a Welkom nel 2004?". Già come può, ci chiediamo anche noi. Ma così è andata e ora non resta che rimboccarsi le maniche per il 2007. "Qualsiasi cosa accada, io correrò - ha spiegato - Mi alleno tutti i giorni come se stessi preparando il Mondiale: footing, palestra e supermotard. Quello che mi hanno costretto a dare non è stato un addio. Un arrivederci, ecco. Non posso dare appuntamenti, ma tornerò".

Al suo fianco c'è ora Enrico Zanarini, l'amico-consulente che segue anche Giancarlo Fisichella. "Ho preso un procuratore, dopo una vita che gfacevo tutto da solo. Se è bravo lavorerà bene. Magari per il 2007, la Superbike. Magari per la MotoGp. Io sono qui, mi tengo pronto".