FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Giorgio Pasotti, padre adottivo alle prese con l'amore

Clip esclusiva del nuovo film di Giulio Base "Mio papà"

- Arriva nei cinema il 27 novembre "Mio papà", il nuovo film diretto da Giulio Base con protagonisti Giorgio Pasotti e il piccolo Niccolò Calvagna. La storia di un uomo a cui piace la libertà al punto di essere refrattario a qualsiasi tipo di legame che si trova suo malgrado a fare da padre a un bambino di sei anni. Tgcom24 vi offre una clip in anteprima esclusiva.

    Lorenzo è un uomo a cui piace la libertà, lavora come subacqueo su una piattaforma poco distante dalla costa adriatica, nella sua professione è uno dei migliori, ma non vuole nessun legame e se scende sulla terraferma è solo per divertirsi. Finché una sera incontra Claudia, bella, diversa dalle altre. Con lei è subito passione, forse amore, però Claudia non è sola: ha un figlio, Matteo, sei anni. Lorenzo da principio vede la cosa come un ostacolo, ma dopo qualche scontro nasce tra i due una sorta di complicità, affetto, un vero rapporto tra padre e figlio. Il destino porterà gli eventi verso una conclusione inaspettata.

    Ricordo perfettamente la prima volta che abbiamo parlato di questo film con l'amico Giorgio Pasotti: eravamo in treno e non mi raccontava una semplice idea, mi raccontava un pezzo della sua vita. Ne sono stato rapito da subito perché era anche un pezzo della mia vita, che poi è simile a quella di moltissimi altri padri adottivi: l'esperienza di amare figli ‘non propri’. Spesso mi ritrovo a pensare che con la mia figlia non di sangue il cimentarsi dell'affetto paterno sia ancora più forte, proprio perché non è dovuto, non è imprescindibile, non è immediatamente naturale. Ci si studia, e poi -solo poi- si sceglie di amarsi. Potrei aggiungere qui discorsi altisonanti sul linguaggio del cinema e su ellissi e metafore di racconto... bla bla bla... ma stimo tutti voi che leggerete queste note per non sapere che sapete che un film non consta di quello. Un film sta soprattutto in un'idea di mondo che propone e sebbene non sia certamente io il prototipo del regista ribelle, nell'idea di mondo che questo film suggerisce c'è un tipo di amore paterno che - al momento - è fuorilegge.

    TAG:
    Giorgio pasotti
    Niccolò calvagna
    Donatella finocchiaro
    Mio papà