FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Mio fratello rincorre i dinosauri", da Venezia 76 in sala il film sulla sindrome di Down con Gassmann

Dal 5 settembre lʼesordio di Stefano Cipani, tratto dal bestseller omonimo e autobiografico di Giacomo Mazzariol

Dopo la presentazione alle Giornate degli Autori di Venezia 76, arriva al cinema dal 5 settembre "Mio fratello rincorre i dinosauri", primo film del regista Stefano Cipani tratto dal romanzo omonimo di Giacomo Mazzariol che ha raccontato la tenera storia della sua famiglia e di suo fratello minore con la sindrome di down. A interpretare i genitori della famiglia Mazzariol sono Alessandro Gassmann e Isabella Ragonese. Tgcom24 vi offre una clip esclusiva.

Jack ha sempre desiderato un fratello maschio con cui giocare e quando nasce Gio, i suoi genitori gli raccontano che suo fratello è un bambino “speciale”. Da quel momento, nel suo immaginario, Gio diventa un supereroe, dotato di poteri incredibili, come un personaggio dei fumetti. Con il passare del tempo Jack scopre che in realtà il fratellino ha la sindrome di Down e per lui diventa un segreto da non svelare. Quando arriva al liceo e si innamora di Arianna, decide di nascondere alla ragazza e ai nuovi amici l'esistenza del fratello. Ma non si può pretendere di essere amati nascondendo una parte così importante di sé. La verità verrà presto a galla e alla fine Jack riuscirà a farsi travolgere dall'energia e dalla vitalità di Gio, che grazie al suo originale punto di vista riuscirà a trasformare il mondo, proprio come un supereroe.

Diretto da Stefano Cipani, è interpretato da Alessandro Gassmann, Isabella Ragonese con la partecipazione di Rossy de Palma e con Francesco Gheghi, Roberto Nocchi, Saul Nanni e Lorenzo Sisto.

"È una storia che mi piace perché utilizza la commedia per toccare argomenti importanti, che parla di comunicazione, di vergogna e presenta una famiglia che con la nascita di Giò è costretta ad ascoltarsi di più. Credo che se ci fossero più famiglie Massariol il nostro Paese sarebbe un Paese migliore", ha detto Alessandro Gassmann.