FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Spettacolo >
  • Dalle aule dei tribunali al teatro, avvocati in scena per i diritti umani

Dalle aule dei tribunali al teatro, avvocati in scena per i diritti umani

Nell'Auditorium del Memoriale allo Shoa di Milano quattro serate della compagnia teatrale dei professionisti del Foro di Milano dedicate a grandi temi come la tortura, la schiavitù, la deportazione...

- ”Nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura o a trattamento o a punizione crudeli, inumani o degradanti”, è quanto recita l'art. 5 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Ma non c'è giorno e non c'è ora in cui, ovunque nel mondo, qualche diritto umano venga leso impunemente. Impedirlo e denunciarlo sarebbe dovere di tutti. A Milano lo faranno 12 avvocati della compagnia teatrale dei professionisti del Foro di Milano, con “Voce ai diritti umani. Testimoni oltre il buio”, spettacolo liberamente tratto dal testo di Kerry Kennedy “Speak truth to power”, 4 serate dedicate ai testimoni delle tante battaglie combattute in nome della giustizia.

Dalle aule dei tribunali al teatro, avvocati in scena per i diritti umani

Da Elie Wiesel a Diana Ortiz passando per Fauziya Kassindja a Marina Pisklakova, i 12 avvocati milanesi, 10 donne e due uomini, guidati dall’Avv. Francesca Vitale, porteranno in scena le testimonianze di chi, in diverse parti del mondo ha lottato per la difesa dei diritti umani. I quattro spettacoli saranno ospitati in uno dei luoghi più solenni e simbolici della città, il Memoriale della Shoah di Milano (Auditorium Joseph e Jeanne Nissim - Piazza Edmond J. Safra, 1 - già via Ferrante Aporti, 3), che per l’occasione aprirà eccezionalmente al pubblico anche per una visita guidata, prima delle rappresentazioni.

Quattro serate, quattro monologhi intensi, accorati e purtroppo ancora troppo attuali su grandi temi come la tortura, le violenze domestiche, le deportazioni, la pena di morte, la schiavitù sessuale... Si parte martedì 18 novembre con una serata dedicata ad Elie Wiesel, sul tema della deportazione, mercoledì 19 sarà la volta di Fauziya Kassindja, sul tema delle mutilazioni genitali, martedì 25 novembre quella dedicata a Marina Pisklakova, sul tema della violenza di genere e infine mercoledì 26 novembre, una serata in nome di Diana Ortiz, sul tema della tortura.

Il ricavato dei biglietti d'ingresso, acquistabili dal sito Ticketone, sarà interamente devoluto, ad alcune associazioni, che da anni si battono e lottano per la difesa dei diritti umani, da SVS Donna Aiuta Donna Onlus della Clinica Mangiagalli a Amnesty International, alla stessa Fondazione Memoriale della Shoah di Milano e all'UNICEF.

L’Ordine degli Avvocati di Milano ha portato in scena per la prima volta “Voce ai diritti umani. Testimoni oltre il buio” il 27 gennaio 2014 sul palcoscenico del Teatro Filodrammatici, dando il via al progetto “I diritti a Teatro”, iniziativa volta a far riflettere, attraverso l’arte drammaturgica, sui grandi problemi della vita presenti nelle aule giudiziarie, sui temi della legalità e della difesa dei diritti umani.

Quest'anno gli “avvocati teatranti” replicano l'esperimento, certi che combattere l'ingiustizia, che lede quotidianamente i diritti umani sia un dovere per tutti e che l'arte sia uno dei mezzi universali per trasmettere messaggi e comunicare verità. La prima fra tutte forse quella più semplice, ovvero che ogni essere umano è un individuo diverso, originale, unico ed irripetibile con debolezze, ma anche con straordinarie risorse, che rappresentano una ricchezza per il vivere comunitario. Ad ognuno vanno quindi riconosciuti gli stessi diritti ad una vita dignitosa.