ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
21/10/2004

"La mia musica parte da Madonna"

Laura Pausini presenta l'ultimo album

Biagio Antonacci, Vasco Rossi e Madonna: tre autori d'eccezione si sono mobilitati per il nuovo album di Laura Pausini, l'artista italiana che ha venduto oltre 22 milioni di dischi nel mondo. La cantante di Solarolo torna con gli undici brani inediti di "Resta in ascolto", in uscita il 22 ottobre. Madonna ha scritto "Mi abbandono a te", canzone tra la kabbalah e il realismo romagnolo della cantante.

"Mentre stavo negli Stati Uniti - ha spiegato la Pausini - ho conosciuto Rick Nowels, già produttore di Dido e Rod Stewart, che stava lavorando con Madonna. Nowels mi ha inviato dei provini in cui c'era un demo cantato da Madonna in inglese. Lì per lì ho pensato ad uno sbaglio". Ma non era nè uno scherzo nè uno sbaglio tant'è che la stessa Madonna poi ha concesso a Laura di modificare il significato del testo pur lasciando una strofa in inglese. "La canzone esprime le sensazioni di una persona che parla a se stessa e alla sua pace - ha specificato la cantante, che a proposito della signora Ciccone ha aggiunto - ha dimostrato la sua grandezza perché non tutti i cantanti famosi accettano che l'interprete cambi il loro testo".

"Benedetta passione" è invece la canzone scritta da Vasco Rossi: "Vasco è sempre stato un mio punto di riferimento, dall'inizio della mia carriera - ha detto la cantante - Ci siamo conosciuti un anno fa, abbiamo parlato, e non di musica, nel suo pub di Milano e ci siamo trovati bene". Qualche giorno dopo Gaetano Curreri, autore insieme a Vasco della canzone, ha portato alla Pausini vari provini tra cui 'Benedetta passione' , "sono stata felice anche perché non era un lento - ha commentato Laura -  mi piace che la gente ascolti una canzone in cui Vasco e la Pausini, che sembrano così diversi, hanno collaborato".

L'altro brano d'autore presente nel brano è "Vivimi", scritta da Biagio Antonacci con il quale l'artista aveva già collaborato per il brano "Tra te e il mare". Per la Pausini Antonacci "è un fratello, non solo l'artista che amo di più musicalmente. Mi è stato vicino quando eravamo entrambi molto confusi e stavamo soffrendo per questioni personali e mi ha aiutato a rinascere. Sarà il secondo singolo".

La Pausini, da qualche mese fidanzata con Gabriele Parise, suo ex assistente, dopo una relazione durata anni con Alfredino Cerruti, ha inserito anche la guerra tra i temi cantanti nel cd. "Dove l'aria è polvere" parla di un'aquila di acciaio che plana su Baghdad col rombo dell'F-16 lasciandosi dietro un paese diviso e lacerato dai lutti. "Una canzone - ha spiegato la Pausini - ispirata a Ismai Abbas, il ragazzino di 12 anni che ha perso braccia, parenti e tutto quel che aveva in Iraq quando un missile americano è caduto sulla sua casa. E' la storia di tanti bambini che perdono la vita in Iraq e ho cercato di raccontare il mio punto di vista: la libertà non può esistere quando c'è la guerra". Il tour mondiale della cantante partirà a febbraio.