FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

> Tgcom24 > Spettacolo > Dargen D'Amico e l'inno alla vita
30.4.2013

Dargen D'Amico e l'inno alla vita

Il produttore e cantatore presenta il nuovo album ricco di collaborazioni eccellenti

foto Ufficio stampa
11:50 - A soli 33 anni Dargen D'Amico è stimatissimo nel mondo dell'hip hop e non solo. Rapper, cantautore ma anche produttore discografico, Dargen non si ferma un attimo. Esce il 30 aprile il nuovo album "Vivere aiuta a non morire". Un titolo che è un programma dal momento che i brani sono ricchi di collaborazioni - da Ruggeri a J-Ax - con urgenza di comunicare. I modelli di riferimento? Qui la sorpresa: "Dalla, Jannacci e Battiato", dice a Tgcom24.
"Il disco precedente "Nostalgia istantanea", pubblicato lo scorso anno, era un progetto particolare con due sole tracce "Nostalgia istantanea" e "Variazioni sul tema nostalgia istantanea" ma che duravano circa 18-20 minuti ciascuna. Poi ho pensato di creare un altro progetto che coinvolgeva cover rap e non solo ma non è andato in porto. In reazione a tutto questo ecco che ho iniziato a pensare a 'Vivere aiuta a non morire' e a tutte quelle persone con cui ho collaborato in passato e che ho incontrato recentemente con cui ho instaurato rapporti artistici e personali che hanno prodotto naturalmente i brani dell'album. E' un progetto chiaro e lineare in cui ci sono anche artisti che apprezzo molto della scena italiana". I pilastri della musica per Dargen sono tre: "Lucio Dalla, Franco Battiato e Jannacci. Quest'ultimo perché riusciva sempre a fare un'analisi tragicomica della realtà ma con una fascino totale. Loro tre per me sono il libro di storia della musica italiana per me".

Tra i tanti brani collaborazioni con Perturbazione ("Con te"), il singolo con J-Ax "L'amore a modo mio", Enrico Ruggeri ("E' già"), Max Pezzali con cui già aveva duettato in "Hanno ucciso l'uomo ragno" ("Due come noi") e il pupillo Andrea Nardinocchi con cui canta un brano delicto sulla violenza delle donne "Continua a correre". "Per questa canzone - conclude Dargen - ho preso spunto da un fatto di cronaca realmente successo ma ho tolto tutta la parte e il peso dell'uomo per lasciar respiro e spazio alla donna e alla vita". Infine una curiosità sulla (bella) copertina del disco ci sono una donna donna che spolvera la croce e per terra Dargen con una corona di luci con al fianco una dolcissima bambina: "Non voglio dare nessuna interpretazione su questa copertina né vorrei dare delle indicazioni, sono proprio curioso di capire e vedere come gli ascoltatori del mio disco interpreteranno questo scatto".
Andrea Conti
OkNotizie
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile