FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Si riparte: quasi 9 mln di alunni tornano a scuola

In Lombardia il maggior numero di studenti. Il ministro Giannini: siete voi i protagonisti

Si riparte: quasi 9 mln di alunni tornano a scuola

Lunedì da "primo giorno di scuola" per quasi nove milioni di studenti. Quest'anno sono infatti 7.861.925 i ragazzi iscritti nelle scuole statali, a cui si aggiungono i 960mila delle paritarie. Lo riferisce il Miur. Complessivamente, le classi saranno 369.902 distribuite in 8.384 istituzioni scolastiche. Fra le regioni con più alunni, la Lombardia (1 milione e 185.662), seguita da Campania (920.964), Sicilia (763.529) e Lazio (741.633).

"Abbiamo fatto un enorme sforzo perché siate protagonisti", ha detto il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini rivolgendo un 'in bocca al lupo' ai 9 milioni di studenti che da oggi tornano a scuola. "Troverete - ha detto dai microfoni di Unomattina - molte novità, a cominciare dal potenziamento di materie importanti, come la matematica, le lingue straniere, arte, musica...".

Renzi: scuola priorità, ora ci sono più soldi - "Per noi la scuola è la priorità del Paese. Ci sono più soldi per l'edilizia scolastica, per il funzionamento degli istituti, per gli insegnanti. Questa è la più grande novità: sulla scuola si investe e non si taglia". Così il premier Renzi su Facebook per l'avvio dell'anno scolastico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali