FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Erasmus 2018/2019: bandi, scadenze e risultati per i singoli atenei

A 30 anni dal varo del programma di scambi internazionali, sono sempre di più gli universitari che decidono di partire per lʼErasmus. Ecco le novità dei bandi 2018.

Erasmus 2018/2019: bandi, scadenze e risultati per i singoli atenei

Tempo di Erasmus per migliaia di studenti italiani. A 30 anni dal varo del programma di scambi internazionali, sempre di più sono i ragazzi che frequentano l'università e che vogliono partecipare. Dall'inizio del programma fino a oggi, gli studenti universitari complessivamente coinvolti a livello europeo hanno superato i 4 milioni. L'Italia ha contribuito per il 10%, posizionandosi tra i quattro principali paesi per numero di giovani in partenza per esperienze di studio verso destinazioni europee (dopo Spagna, Germania e Francia).

Erasmus, le novità dei bandi 2018
La dotazione di quest’anno è aumentata di 200 milioni di euro rispetto al 2017, pari a un incremento dell’8%. Ricordiamo che quest'anno ci saranno più soldi per gli studenti con condizioni economiche svantaggiate, inoltre, almeno il 50% della borsa sarà erogato prima della partenza. Fino ad oggi, la prima parte di borsa era data entro 30 giorni dalla firma dell'accordo di mobilità, il restante al rientro. Un'altra grande novità è quella relativa alla possibilità di effettuare più volte la mobilità, fino ad arrivare ad una somma massima di 12 mensilità per ciascun ciclo di studio (laurea triennale, laurea magistrale e dottorato) e 24 mensilità per le lauree a ciclo unico.

Erasmus 2018: bandi, scadenze e risultati
Diversi atenei si sono attivati già da tempo per la pubblicazione del bando. In alcuni casi i termini sono già scaduti. In altri, invece, rimangono ancora dei giorni per potersi candidare per la partenza. Per consultare i vari bandi e verificare termini di scadenza e la data di pubblicazione delle graduatorie finali basta andare sui siti Internet delle singole università. Qui di seguito, invece, un quadro riassuntivo dei principali atenei, elaborato dal portale Skuola.net: bandi scaduti, bandi ancora attivi e data di diffusione dei risultati (se già comunicata dall'università).

Erasmus 2018: i bandi ancora aperti
- Roma 'Sapienza': da 7 febbraio a 14 marzo 2018 (risultati tra marzo e aprile 2018, architettura a maggio 2018)
- Roma 'Sapienza' (Giurisprudenza): dal 7 febbraio al 15 marzo 2018 (risultati entro il 30 aprile 2018)
- Università di Udine: fino al 12 marzo 2018 (risultati dopo il 30 marzo 2018)
- Università di Catania: fino al 19 marzo 2018 (risultati entro fine aprile 2018)
- Università di Trento: fino al 24 aprile 2018 (risultati entro il 25 maggio 2018)
- Università di Palermo: fino al 26 marzo 2018

Erasmus 2018: i bandi scaduti
-
 Milano Statale: scaduto il 28 febbraio 2018 (risultati entro il 30 aprile 2018)
- Bologna 'Alma Mater': scaduto il 13 febbraio 2018 (risultati dal 14 marzo 2018)
- Napoli 'Federico II': scaduto il 20 febbraio 2018 (risultati dal 7 marzo 2018)
- Università di Torino: scaduto il 31 gennaio 2018 (risultati a inizio marzo 2018)
- Università di Bari: scaduto il 9 gennaio 2018 (risultati già disponibili online)
- Venezia 'Ca' Foscari': scaduto il 7 febbraio 2018 (risultati dal 23 febbraio 2018)
- Università di Modena e Reggio Emilia: scaduto il 19 febbraio 2018 
- Università di Padova: scaduto il 17 gennaio 2018 (risultati già online)

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali