FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sanità, medici in sciopero: i sindacati “Adesioni oltre le aspettative"

Più dellʼ80% del personale sanitario ha partecipato alla protesta per il mancato rinnovo dei contratti

Più della metà dei medici italiani hanno aderito allo sciopero per il rinnovo del contratto scaduto da oltre otto anni. E' quanto sostenuto dai sindacati di categoria. "Chiediamo che nella legge di bilancio ci sia maggiore attenzione alla sanità. Non è solo questione di contratto, ma si tratta di dare un adeguato sostegno alla tenuta del sistema sanitario nazionale".

"Lo sciopero - ha riferito il vicepresidente nazionale di Anaoo Assomed Carlo Palermo - vede una larga partecipazione superiore alle aspettative. Stimiamo un'adesione dell'80%, che e' un risultato molto ampio se consideriamo che devono essere garantiti i servizi minimi e quindi non tutti possono scioperare".

Solo in Toscana lo sciopero ha riguardato oltre 10mila medici, che si sono ritrovati sotto l'edificio della regione per protestare. "Lo stato di agitazione -  sottolinea Assomed- è dovuto al fatto che il servizio sanitario finora si è sostenuto sul sacrificio di medici e dirigenti sanitari con le regioni che hanno garantito i livelli minimi d'assistenza a spese dei professionisti, delle loro ferie, delle loro risorse accessorie e dell’abuso dell’orario di lavoro“.

Sullo sciopero è intervenuto anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha detto di essere “a fianco dei medici italiani” perché “ci sono due problemi: uno è quello dello sblocco del turnover che credo abbiamo seriamente contribuito a risolvere”, l’altro “il rinnovo del contratto che non è un tema che gestisce il ministero della Salute”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali