FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vertice Centrodestra, ufficializzata la coalizione a quattro

Prima intesa su candidati e programma. Tra i punti centrali anche la cancellazione della Legge Fornero. Sulle Regionali, in Lombardia si va verso la rinuncia di Maroni: già pronto un nuovo nome condiviso

"Meno tasse e più aiuti a chi ha bisogno". Sono alcuni dei punti che saranno al centro "dell'azione di governo di Centrodestra che uscirà dalle politiche del 4 marzo", elencati in una nota congiunta di Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni dopo il vertice di Arcore. Ufficializzata la coalizione a quattro, con il quarto Polo. Tra le priorità anche "la revisione del sistema pensionistico cancellando gli effetti deleteri della Legge Fornero".

"Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono incontrati a Villa San Martino con Silvio Berlusconi per fare il punto sul programma da presentare agli elettori", si legge nella nota. "Meno tasse, meno burocrazia, meno vincoli dall'Europa, più aiuti a chi ha bisogno, più sicurezza per tutti, riforma della giustizia e giusto processo, revisione del sistema pensionistico cancellando gli effetti deleteri della Legge Fornero, realizzazione della flat tax, difesa delle aziende italiane e del Made in Italy, imponente piano di sostegno alla natalità, controllo dell'immigrazione: saranno questi i primi passi dell'azione di governo di Centrodestra che uscirà dalle politiche del prossimo 4 marzo".

Berlusconi: "Forza Italia garantirà da tentazioni demagogiche" - Forza Italia "sarà di gran lunga la maggior forza politica della coalizione, garantirà che non ci possa essere spazio per tentazioni demagogiche, se mai si dovessero manifestare". Lo ha detto Silvio Berlusconi, in una intervista che sarà pubblicata lunedì sul Foglio, rispondendo a una domanda sulla compatibilità nel centrodestra tra Forza Italia e i partiti "populisti" Lega e Fdi.

Ufficializzata la coalizione a quattro - "Tra le priorità - continua il comunicato congiunto - anche l'adeguamento delle pensioni minime a mille euro, il codice di difesa dei diritti delle donne e la revisione del sistema istituzionale col principio del federalismo e presidenzialismo. Ufficializzata la composizione della coalizione a quattro con Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia e quarto Polo".

Nel quarto polo solo nomi condivisi da tutti - Il via libera alla cosiddetta "quarta gamba" del Centrodestra, sarebbe però arrivato escludendo dalle candidature quei nomi che non sono condivisi da tutti i leader dei tre principali partiti. Lo si è appreso da fonti qualificate. In particolare il 'veto' riguarderebbe figure come l'ex leghista Flavio Tosi e l'ex montiano Enrico Zanetti.

Lombardia, Maroni lascia - Sul tavolo di Arcore si è aperto anche il caso di Roberto Maroni, pronto ad annunciare la rinuncia alla ricandidatura come presidente della Regione Lombardia, per "motivi personali". Motivi non spiegati finora, anche se sono circolate ipotesi su un suo futuro ruolo a Roma, magari premier di mediazione in un governo di centrodestra.

Maroni chiarirà lunedì se intende proseguire in Lombardia, tornare a Roma, o fare addirittura una scelta di vita diversa. Magari per tenersi libere le mani in un secondo momento. Intanto gli alleati si preparano a un'alternativa per il 4 marzo, visto che finora la Lombardia era l'ultimo dei problemi. La Lega punta sull'ex sindaco di Varese, Attilio Fontana, dato per favorito. In Forza Italia si è fatto il nome di bandiera dell'ex ministro Mariastella Gelmini.

Lʼintesa di Arcore tra Berlusconi, Salvini e Meloni

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali