FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vaccini, Salvini: "Dieci obbligatori sono troppi" | Burioni: "Bugia pericolosissima"

Scontro a distanza tra il noto virologo e il ministro dellʼInterno, che poi frena e si dice dʼaccordo col ministro della Salute. "Vaccinazioni fondamentali, no a polemiche strumentali", ha affermato Giulia Grillo

Vaccini, Salvini: "Dieci obbligatori sono troppi" | Burioni: "Bugia pericolosissima"

"Dieci vaccini obbligatori sono inutili e talvolta dannosi". Lo ha dichiarato Matteo Salvini in diretta a Radio Studio 54. Ma il virologo Roberto Burioni ha smentito immediatamente il vicepremier sui social: "Ministro, i vaccini proteggono lei, i suoi figli e i suoi elettori. La sua è una bugia pericolosissima". "Le vaccinazioni sono fondamentali, no alle polemiche strumentali", ha detto il ministro della Salute, Giulia Grillo. Salvini ha poi corretto il tiro: "Condivido il pensiero della Grillo".

"Ringrazio il ministro Grillo, sua è la competenza sui vaccini, condivido il suo pensiero e ci atterremo al contratto di governo", ha osservato Salvini. "Anche a me, da papà e da ministro, sta a cuore la salute dei bambini e che a tutti sia garantito l'accesso al nido, alla scuola dell'infanzia e alle classi successive. Con tanti medici condivido l'idea che sia meglio educare ai vaccini piuttosto che obbligare. Ci stiamo lavorando, l'importante è che a settembre tutti i bambini possano entrare in classe".

"Voglio ribadire ancora una volta, e non mi stancherò mai di ripeterlo, che i vaccini sono un fondamentale strumento di prevenzione sanitaria primaria. E che in discussione a livello politico sono solo le modalità migliori attraverso le quali proporli alla popolazione. Tutte le polemiche sono solo finalizzate a creare un circo mediatico che a me non interessa alimentare", ha sottolineato la Grillo.

"Le affermazioni del ministro dell'Interno sono gravi e rischiano di riportare l'Italia indietro di un secolo: sono certo che il premier Conte e il ministro della Salute Giulia Grillo interverranno per ripristinare la verità sull'utilità dei vaccini obbligatori", ha affermato Antonio Saitta, coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

Di Maio: "Ognuno ha la sua opinione, il contratto è chiaro" - Sulla questione delle vaccinazioni è intervenuto anche l'altro vicepremier, Luigi Di Maio: "Su questo tema il contratto parla chiarissimo: noi vogliamo rivedere il decreto Lorenzin, ma nel senso semplicemente di potere assicurare una tutela vaccinale delle persone e soprattutto ai bambini. Poi ognuno ha la sua opinione sui vaccini, voi conoscete la nostra".

Sono passate solo poche ore dalla dichiarazione di Salvini sull'eventualità di togliere la scorta a Roberto Saviano e il ministro dell'Interno ha già pronunciato altre parole destinate a scatenare una nuova polemica. "Garantisco l'impegno preso di permettere che tutti i bimbi possano andare a scuola, possano entrare in classe. Al governo siamo in due, c'è un'alleanza e bisogna ragionare con gli alleati. Ho già iniziato a ragionare col ministero della Salute Grillo, ma di certo questi bambini non devono essere espulsi", ha detto il vicepremier a Radio Studio 54 dopo aver affermato che "dieci vaccini obbligatori sono inutili e talvolta pericolosi".

Immediata la risposta sui social del noto virologo Roberto Burioni:  "No, Ministro Salvini. Dieci vaccini non sono inutili e tantomeno dannosi. Sono gli stessi vaccini che vengono usati con identici tempi e identici modi in tutto il mondo. Sono i dieci vaccini che hanno salvato e salvano, in tutta sicurezza, milioni di vite. Vaccini che proteggono anche lei, i suoi figli e i suoi elettori, e pure tutti i cittadini italiani che lei ha il dovere di tutelare. Ministro Salvini, lei ha detto una bugia, una bugia pericolosissima. E che a dirla sia chi ha la responsabilità della sicurezza del mio paese è una cosa che mi preoccupa molto".

Il post di Burioni è stato subito rilanciato da Matteo Renzi che ha scritto su Facebook: "Roberto Burioni contro Matteo Salvini ovvero la scienza contro il fanatismo. Siamo davvero #altracosa rispetto a questo Governo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali