FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gentiloni: "Mi candido al Collegio uninominale Roma 1, con noi la Bonino"

Lʼannuncio del premier su Facebook: "Il mio partito sarà in corsa con + Europa, Civica Popolare e Insieme". E la Bonino: "Con il Pd per sconfiggere i nazionalismi"

Gentiloni: "Mi candido al Collegio uninominale Roma 1, con noi  la Bonino"

Paolo Gentiloni si candiderà nel Collegio uninominale di Roma 1 alla Camera dei deputati. Lo ha scritto lo stesso premier su Facebook precisando di aver "accettato la proposta del mio partito" e aggiungendo: "Spero di contribuire al risultato del Pd e della coalizione con le liste + Europa, Civica popolare e Insieme".

Bonino: "Sto con il Pd per battere i nazionalismi" - Anche Emma Bonino ha annunciato l'appoggio della sua lista al Pd in una conferenza stampa convocata a Roma, dove ha detto: "Potevamo fare una corsa solitaria e ce lo hanno consigliato in molti. Era una tentazione forte. Ma abbiamo ben chiaro che gli avversari da battere sono innanzitutto i nazionalisti antieuropei". E ha poi aggiunto: "C'è uno scontro politico tra nazionalisti ed europeisti e abbiamo dovuto schierarci, non è stato semplice ma abbiamo scelto di dialogare con lo schieramento di centrosinistra e in particolare con il Pd".

Gentiloni: "Possiamo vincere la competizione elettorale" - "La nuova legge elettorale - continua Gentiloni nel suo post - prevede di fatto una doppia competizione, anzitutto tra singoli partiti ma anche tra coalizioni. Il Pd e la coalizione di centrosinistra hanno le carte in regola per vincerle entrambe, basandosi sui risultati dei governi a guida Pd e sull'ambizione del nostro programma. Lavoro, Europa, inclusione sociale, sicurezza, ambiente, diritti: l'elettore democratico e progressista, e in generale quanti scommettono sul buon governo, hanno una proposta credibile su cui puntare".

"Mi candido a Roma, una città bella e problematica" - "Mi candido - ha proseguito il premier - al centro di Roma, in una delle aree più belle e amate del mondo. L'area dei rioni storici del Centro e di quartieri che definiscono l'identità della città, da Trastevere a Prati a Testaccio e altri ancora. Alla grande bellezza sono associati, come ovunque nella Capitale, diversi problemi. La qualità e la pulizia delle strade; l'impatto del turismo, ricchezza da ben governare; le difficoltà di molti residenti, specie più anziani. La sofferenza e il disagio. Bisogna affrontare con spirito di collaborazione questi problemi. E bisogna investire sul ruolo di Roma grande capitale universale, metropoli che lavora e che merita di essere motore di modernità e innovazione".

Gentiloni riconosce che "la mia sarà naturalmente una campagna elettorale particolare. Sarò impegnato per far vincere il mio partito, come sempre hanno fatto i presidenti del Consiglio. Ma lo farò senza sottrarre nulla agli impegni di governo che restano fondamentali anche in queste settimane e che è mio dovere assolvere. Conto sulla comprensione degli elettori per il fatto che non mi sarà possibile essere presente ovunque e in tutte le occasioni. Il Collegio Roma 1 non è considerato un Collegio 'sicuro'. Di sicuro però è la parte della città in cui abito da una vita e dove (momentaneamente) lavoro. Rappresentarla in Parlamento sarebbe una responsabilità e un onore".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali