FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scuola, la riforma è legge tra le proteste Giannini: "Non è atto finale, ma iniziale"

Con 227 sì e 173 no la Camera ha approvato il ddl. Il Pd si spacca: in 39 non partecipano al voto. Sì di 4 verdiniani. Bagarre di Sel, Lega e M5S

Scuola, la riforma è legge tra le proteste Giannini: "Non è atto finale, ma iniziale"

Il ddl sulla riforma della scuola è legge. Il testo è stato approvato alla Camera con 277 sì, 173 no e 4 astenuti. Il Pd si è spaccato: 39 esponenti del partito di Renzi non hanno partecipato al voto. Tra questi i deputati della minoranza Pierluigi Bersani e Roberto Speranza. Voto contrario per Alfredo D'Attorre e altri 4 parlamentari democratici. Proteste di Sel, Lega Nord e Movimento 5 Stelle.

Scuola, la riforma è legge tra le proteste Giannini: "Non è atto finale, ma iniziale"

Il ministro: "E' un atto iniziale" - "Questo non è un atto finale, ma l'atto iniziale di un nuovo protagonismo della scuola". E' il commento a caldo del ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, rilasciato poco dopo l'approvazione in via definitiva della riforma della Scuola. "La scuola riparte a settembre con maggiore regolarità rispetto ad anni dominati dalla supplentite - aggiungo la Giannini -. Riparte con l'opportunità straordinaria di avere la persona al centro. Assumere 100mila persone è un'operazione straordinaria. E la sentenza Ue non ci ha dato alcuna indicazione in questo senso".

Renzi: "Centomila assunzioni e più merito" - Il commento del premier Renzi arriva invece da Twitter. "Centomila assunzioni, più merito, più autonomia #labuonascuola è legge", scrive il presidente del Consiglio.

Votano "Sì" quattro verdiniani - Quattro deputati di Forza Italia vicini al senatore Denis Verdini hanno votato sì alla riforma della buona scuola. Secondo i tabulati, in dissenso dal resto del gruppo FI, che ha votato contro, si sono espressi a favore del testo Luca D'Alessandro, Monica Faenzi, Giovanni Mottola e Massimo Parisi.

Lega, cartelli in Aula - Prima del voto la seduta è stata sospesa per le proteste dalla Lega Nord. I deputati del Carroccio hanno esposto cartelli con la scritta "giù le mani dai bambini". Il capogruppo Massimiliano Fedriga è stato espulso dall'Aula.

M5S legge la Costituzione - Tutti i deputati di M5S hanno invece letto, in coro e in piedi, i tre articoli 3, 33 e 34 della Costituzione dedicati alla Scuola ed alla ricerca. La lettura è andata avanti anche dopo la fine del tempo a disposizione del partito in dichiarazione di voto finale, nonostante i richiami del vicepresidente Roberto Giachetti.

L'"Oxi" di Sel alla riforma - Anche Sel ha esposto nell'Aula della Camera i suoi cartelli durante le dichiarazioni di voto finali. Grande scritta "OXI", ovvero il "No" in greco prevalso al referendum di domenica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali