FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Referendum costituzionale, Cdm: "Data fissata per il 4 dicembre" | Renzi: "Riforma fondamentale per lʼItalia"

Una data non condivisa dalle opposizioni che hanno criticato la scelta di non essere state consultate. Dal M5S a Forza Italia, tutti attaccano il governo: "Voteremo no per mandarli a casa"

Referendum costituzionale, Cdm: "Data fissata per il 4 dicembre" | Renzi: "Riforma fondamentale per l'Italia"

Il 4 dicembre si vota per il referendum sulla riforma costituzionale. Lo ha deciso il Consiglio dei ministri riunitosi a Palazzo Chigi. Intanto se Matteo Renzi plaude alla riforma "fondamentale per l'Italia", affermando che "bisogna cambiare per non rimanere ostaggio dei soliti noti", le opposizioni si scagliano contro: "Il governo non ci ha consultato e ha scelto la data più lontana, a ridosso del Natale, perché spera nell'astensionismo. Ma perderà".

Renzi: "E' l'ultima occasione per cambiare l'Italia" - "Questa Italia deve cambiare, non può rimanere ostaggio dei soliti noti, della solita palude che ha bloccato la crescita dell'ultimo ventennio. Ecco perché il referendum costituzionale è fondamentale". E' quanto dichiara il premier Matteo Renzi nella sua e-news, aggiungendo: "Il risultato del referendum non dipende tanto da me, ma da tutti voi. La partita è adesso e non tornerà, non ci sarà un'altra occasione. Sono certo che non la sprecheremo".

M5S: "Renzi pur di vincere è disposto a prendersi gioco di tutti" - "E' grave che Renzi abbia scelto la data del referendum costituzionale senza neanche consultarsi con le opposizioni. Ed è altrettanto grave e vergognoso che abbia negato ai cittadini, per così tanto tempo, la possibilità di esprimersi su un tema così delicato e importante, facendo un'indegna melina. Inoltre, se avesse potuto, il presidente del Consiglio ci avrebbe fatto votare a Natale o, magari, a Capodanno, nella speranza di scoraggiare la maggioranza degli italiani, che è a favore del no, a recarsi presso le urne e nel tentativo di arrivare a mangiarsi il panettone". Così i deputati M5S della commissione Affari costituzionali della Camera dopo il Cdm. "Renzi sembra uno di quei prestigiatori del gioco delle tre carte che, pur di vincere, sono disposti a tutto, truccando le regole e prendendosi gioco di tutti", sottolineano.

"Meloni: "Finalmente data di scadenza del governo" - "Finalmente gli italiani conoscono la data di scadenza di questo governo abusivo: il 4 dicembre si vota per il referendum costituzionale e se vince il no Renzi va a casa". Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

Brunetta: "Perderà anche con il voto sotto Natale" - "Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, com'era ormai prevedibile sceglie di collocare la consultazione costituzionale nella data più lontana possibile: il 4 dicembre". Renato Brunetta dalle fila di Forza Italia scaglia l'affondo contro il premier non eletto, che "tenta così, ancora una volta, di prendere tempo e di scappare dalla democrazia. Spera di sfruttare ancora per parecchie settimane i media e le televisioni prima dell'inizio della par condicio".

"Aveva detto che per individuare la data del referendum avrebbe sentito le opposizioni, avrebbe coinvolto anche le formazioni politiche che non sostengono il suo governo. Come al solito ha fatto l'esatto contrario di quanto annunciato. Perderà comunque, anche con il voto sotto Natale".

Salvini: "Il 4 voto no per licenziare Renzi" - "Il 4 dicembre #iovotono per licenziare Renzi! E sabato 12 novembre a Firenze gli diamo il preavviso!". E' quello che scrive invece su Facebook  il leader della Lega, Matteo Salvini.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali