FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Proteste della Lega in Senato contro lo ius soli, Fedeli in infermeria

Il ministro dellʼistruzione è stata medicata con un cerotto antidolorifico al gomito in seguito a una caduta nellʼaula del Senato: "Sto bene, la sopraffazione non fermerà la battaglia di civiltà"

Il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli è finita in infermeria dopo una caduta al Senato durante le contestazioni della Lega Nord mentre si discuteva dello ius soli. La Fedeli era ai banchi del governo quando alcuni senatori del Carroccio si sono avvicinati "con cartelloni e l'hanno spinta contro il tavolo e le sedie", raccontano esponenti dem. Il ministro è stato medicato con un cerotto antidolorifico al gomito: "Sto bene".

La dinamica dell'incidente - Secondo i testimoni alcuni senatori della Lega che stavano protestando sarebbero caduti tra i banchi del governo e nel parapiglia una sedia avrebbe urtato al gomito Valeria Fedeli, subito soccorsa e portata in infermeria. Informato dell'accaduto, il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha sentito al telefono il ministro per accertarsi delle sue condizioni.

Fedeli: "Sto bene, grazie a tutti" - Il ministro Fedeli, dopo l'incidente, afferma su Twitter: "Sto bene, grazie a tutte e a tutti. Non saranno i tentativi di sopraffazione a fermare una battaglia di civiltà come lo Ius Soli".

Solidarietà dal Pd - "Solidarietà a Valeria Fedeli colpita durante gazzarra leghista al Senato contro #IusSoli", scrive su Twitter il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato. Gli fa eco il ministro per i rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro che, sempre su Twitter afferma: "Indecente la bagarre della Lega e il silenzio complice di M5S mentre incardiniamo lo Ius soli. Che tristezza anteporre la ricerca del consenso alla civiltà".

Anche Centinaio soccorso - Poco dopo è stato il capogruppo del Carroccio, Gian Marco Centinaio, a chiedere di essere medicato con del ghiaccio alla mano sinistra perché "gonfia" dopo aver resistito alla presa di sette assistenti parlamentari chiamati a staccarlo dal banco del governo cui si era aggrappato.

Centinaio: "Ho resistito come a Fort Alamo" - "Avevo chiesto solo di parlare ma il presidente Grasso è noto per non farmi parlare". Il capogruppo della Lega al Senato, Gian Marco Centinaio, racconta come sono cominciati i disordini nell'Aula di Palazzo Madama: "Nel momento in cui non mi hanno lasciato parlare abbiamo occupato i banchi del governo e io sono stato portato via per ultimo perché ho resistito come a Fort Alamo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali