FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Primarie, Meloni: "Ok in tempi rapidi Ballottaggio? Sono sicura: arrivo io"

Il candidato sindaco di Roma: "Se dovessi proprio scegliere, opterei per la Raggi. La rottamazione non mi interessa, ma su Bertolaso Berlusconi si è impuntato"

Primarie, Meloni: "Ok in tempi rapidi Ballottaggio? Sono sicura: arrivo io"

"Credo che le primarie sarebbero state la scelta migliore e ancora oggi sarei disposta a farle ma il problema sono i tempi: se mi dicono che si fanno in due settimane sono d'accordo". Lo ha detto il candidato sindaco di Roma Giorgia Meloni spiegando di aver "chiesto per prima le primarie, ma non si sono fatte perché i miei alleati, e non solo Berlusconi, hanno pensato si perdesse un sacco di tempo".

A proposito dei suoi concorrenti, la leader di Fratelli d'Italia ha assicurato: "Non temo né Raggi né Giachetti ma, se non arrivassi al ballottaggio, voterei Raggi, anche se trovo deludente la storia di M5s perché speravo di avere degli alleati in Parlamento su alcuni argomenti di rottura. Poi ho capito che per loro l'unica cosa importante è che loro sono puliti e gli altri spazzatura e non ti aiutano mai a portare a casa un risultato".

"Centrodestra, naturale il ricambio generazionale" - A proposito delle dinamiche in atto nel centrodestra per queste elezioni comunali, ha spiegato: "A me non interessa rottamare nessuno nè mi interessa la leadership del centrodestra. Ma che a un certo punto debba esserci un ricambio generazionale sta nella natura delle cose". E in merito alla scelta di Berlusconi di mantenere il suo candidato Guido Bertolaso: "Mi sembra un'impuntatura dire 'questo è il mio candidato e rimane'. Noi abbiamo fatto le nostre scelte perché vogliamo vincere a Roma e non voglio fare regali a questo governo e soprattutto non voglio regalare la mia città".

Bertolaso: "Ridicolo chiedere ora le primarie"
- "Chiedere le primarie a due mesi dalle elezioni, dopo che mi hanno chiesto in ginocchio di candidarmi e dopo le gazebarie con 47mila romani che hanno votato, è ridicolo. Sono già stati fatti tutti i processi necessari per arrivare ad un candidato unico. Oggi che vogliamo fare? Ricominciare da capo? Adesso è ridicolo". Così il candidato sindaco di Roma per Forza Italia Guido Bertolaso ai microfoni di "Roma Chiama 88.100 Fm", il talk radio che va in onda su Elle Radio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali