FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Libia, Guerini: "Nessuna minaccia diretta al contingente italiano"

Il ministro della Difesa spiega che la presenza italiana nelle aree di crisi non verrà ridotta

lorenzo guerini pd riforme

"Nonostante l'acquisizione del controllo di Sirte da parte del Lybian national army veda Misurata maggiormente esposta alle mire del generale Haftar, non sembrerebbero sussistere ad oggi minacce dirette nei confronti del nostro contingente in loco". Lo ha detto il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, alle commissioni Difesa di Senato e Camera.

Il ministro ha inoltre aggiunto che l'Italia intende "incrementare la presenza in Sahel dove si assiste ad una recrudescenza del terrorismo di matrice confessionale ed i cui effetti sono fortemente interconnessi con lo scenario libico, nonché nella regione mediorientale ed in particolare nelle acque dello stretto di Hormuz, la cui transitabilità in sicurezza rappresenta elemento essenziale per la nostra economia". 

 

Per quanto riguarda l'Afghanistan, Guerini ha chiarito che "non è ipotizzabile un'ulteriore riduzione di personale se non abdicando al ruolo centrale ch il Paese ricopre nell'ambito dell'operazione Nato". Il ministro ha quindi confermato che nel 2020 l'Italia rimarrà in Libia, Iraq, Libano e appunto Afghanistan.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali