FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La Lega vota con lʼopposizione per nuovi fondi a Radio Radicale | Di Maio: "Fieri di esserci opposti con ogni mezzo"

LʼM5s attacca: "Pioggia di soldi ingiustificata". Salta il voto in Commissione Vigilanza Rai: niente accordo di maggioranza anche sulla risoluzione contro il doppio incarico al presidente Foa

E' passato in commissioni congiunte Bilancio e Finanze della Camera l'emendamento del Pd che prevede per Radio Radicale un ulteriore finanziamento di 3 milioni per il 2019, salvando la radio dalla chiusura. Il testo è stato riformulato su proposta della Lega ma il governo con il viceministro dell'Economia, Laura Castelli, aveva dato parere contrario. La Lega ha votato con l'opposizione, no dal M5s. Di Maio: "Fieri di esserci opposti con ogni mezzo!".

La deputata del Pd Silvia Fregolent, capogruppo in commissione Finanze, spiega: "La Lega vota con le opposizioni per salvare la radio, mentre i 5 stelle votano contro seguendo le indicazioni di parere contrario del viceministro Laura Castelli".

M5s: "Pioggia di soldi ingiustificata" - "Su Radio Radicale la soluzione più equa era di finanziare la conversione in digitale e la conservazione degli archivi multimediali, fino a una spesa massima di 1 milione di euro nel triennio. L'emendamento proposto dalle opposizioni ha disposto invece di erogare altri 3 milioni di euro nel solo 2019 ad una radio che ne riceverà già 9 quest'anno. Una scelta a cui hanno aderito tutti i partiti, Lega compresa, e che ci ha trovato fortemente contrari". Lo affermano i deputati M5s delle commissioni Bilancio e Finanze.

Di Maio: "Gravissimo, la Lega dovrà risponderne" - "Secondo noi è una cosa gravissima, di cui anche la Lega dovrà rispondere davanti ai cittadini. Sono franco: dovrà spiegare perché ha appoggiato questa indecente proposta del Pd! Dopo di che si va avanti, perché siamo persone serie". Lo afferma Luigi Di Maio, parlando dell'approvazione, con i voti della Lega, dell'emendamento Pd al dl crescita a favore di Radio Radicale, "una radio privata - scrive su Facebook - che ospita giornalisti con stipendi da capogiro di anche 100mila euro l'anno. Tutti pagati con i vostri e i nostri soldi, da sempre".

"Ecco chi gioisce per aver regalato altri milioni di euro delle nostre tasse a Radio Radicale, una radio privata e di partito pagata con i vostri soldi. Fieri di esserci opposti con ogni mezzo!", poi aggiunge Di Maio linkando un tweet di Laura Boldrini.

Salvini: "Non si chiude una radio con un tratto di penna" - "Io ho sempre detto che non si chiude una radio, un giornale, una televisione con un emendamento o un tratto di penna: bisogna lasciare tempo e rispettare il lavoro fatto". Così Matteo Salvini commenta la vicenda di Radio radicale che ha spaccato la maggioranza. Con Di Maio, che parla di un episodio gravissimo, "chiariremo tutto anche in questo caso", aggiunge il leader della Lega.

Vigilanza Rai, niente accordo Lega-M5s: salta voto su Foa - Salta il voto in Commissione di Vigilanza Rai sulla risoluzione contro il doppio incarico al presidente Marcello Foa, nominato anche presidente di RaiCom. I due gruppi di maggioranza, in una riunione di 20 minuti avvenuta fuori dell'aula di San Macuto, non hanno trovato l'accordo sull'emendamento presentato dal capogruppo della Lega, Massimiliano Capitanio, e hanno fatto mancare il numero legale. Se ne riparlerà la prossima settimana.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali