FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dl Genova al cardiopalma, Mef apre giallo su coperture | Palazzo Chigi: "Tutto ok, ora arriva al Quirinale"

Il decreto per la ricostruzione del ponte Morandi ha "vissuto" ore convulse con notizie e smentite che si sono susseguite per tutta la giornata

Dl Genova al cardiopalma, Mef apre giallo su coperture | Palazzo Chigi: "Tutto ok, ora arriva al Quirinale"

Il decreto legge annunciato (e sventolato) più volte che dovrebbe dare il via libera alla ricostruzione del ponte di Genova ha vissuto ore drammatiche. Prima la notizia dell'arrivo del dispositivo alla Ragioneria dello Stato ma senza le cifre (e le coperture). Poi la smentita del Ministero delle Finanze e infine il comunicato di Palazzo Chigi: "Il decreto è pronto ed ha le coperture, ora andrà al Quirinale".

Palazzo Chigi: coperture su dl Genova ok - Palazzo Chigi mette, forse, la parola fine alla convulsa giornata legata al dl Genova. E smentisce le "notizie diffuse sul decreto emergenze e sulle presunte carenze di coperture finanziarie che sarebbero all'origine di ritardo nella sua pubblicazione". La Presidenza del Consiglio che precisa: "Gli interventi in conto capitale sono integralmente finanziati. Parimenti, quelli di parte corrente sono integralmente finanziati per il 2018 e, in parte, per gli anni successivi. Per la parte residua, sarà data copertura nella prossima legge di bilancio, che sarà presentata al Parlamento il 20 ottobre". In definitiva, conclude la nota, "nessun ritardo per l'avvio delle misure di sostegno contenute nel decreto tant'è che dal Mef hanno appena confermato di avere terminato le valutazioni di propria competenza e che il decreto legge sta per essere inviato al Quirinale".

Ministero delle Finanze: "Nessun blocco dalla Ragioneria" - La Ragioneria generale dello Stato non sta bloccando il decreto su Genova ma è al lavoro per sbloccarlo e valutarne i costi visto che il testo è giunto "senza alcuna indicazione degli oneri e delle relative coperture". Lo riferiscono fonti del Ministero dell'economia dopo una notizia pubblicata su un quotidiano online. "I tecnici della Ragioneria stanno lavorando per valutare le quantificazioni dei costi e individuare le coperture", lo ha scritto il Mef per smentire voci apparse su alcuni siti.

Il giallo sulle coperture - "E' opportuno precisare - proseguono dal Mef - che il provvedimento è giunto alla RGS senza alcuna indicazione degli oneri e delle relative coperture. I tecnici della Ragioneria stanno lavorando attivamente per valutare le quantificazioni dei costi e individuare le possibili coperture da sottoporre alle amministrazioni proponenti. Soltanto così il decreto può essere bollinato e trasmesso al Quirinale per la promulgazione".

La Ragioneria può "aiutare" i ministeri - Solitamente un provvedimento viene elaborato dagli uffici dei diversi ministeri e corredato da alcuni "strumenti" normativi, messi a punto dagli staff ministeriali, che lo accompagnano durante l'esame parlamentare. Nella fase successiva all'approvazione spetta alla Ragioneria dello Stato - che di fatto assume un ruolo di istituzione terza - quella di valutare se le coperture indicate sono adeguate al rispetto dell'articolo 81 della Costituzione: la valutazione è necessaria perché il provvedimenti arrivi alla promulgazione da parte del Quirinale con tutti i crismi di costituzionalità. Senza un'adeguata copertura la pubblicazione in Gazzetta non può avvenire.

Dal momento del varo da parte del Consiglio dei Ministri, che può avvenire anche salvo intese, a quello dell'approdo in Gazzetta Ufficiale talvolta passano alcuni giorni nei quali l'interlocuzioni tra i vari uffici mira proprio a risolvere problemi di editing e di copertura, talvolta anche di messa a punto - ma non di modifica sostanziale - di una norma in accordo tra i ministeri competenti. In questo contesto il ruolo della Ragioneria è sia di esame "terzo" sulle coperture, sia di collaborazione con il governo per la soluzione dei problemi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali