FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

16/12/2009

Cicchitto: "C'č chi semina odio"

"Non ce l'ho con Udc e gran parte Pd"

"Ho fatto una distinzione netta fra chi fa campagne di odio e chi fra le forze di opposizione č protagonista di una normale dialettica: mi rivolgo all'Udc e a larga parte del Pd". Lo dice il capogruppo del Pdl a Montecitorio, Fabrizio Cicchitto, che sottolinea di "riconoscere la pacatezza di Bersani". Per contro, Cicchitto sottolinea come "Repubblica ci stia massacrando" e come il Pdl non sia disposto a fare "passi indietro contro la campagna di odio".

"Non abbiamo fatto altro che ricordare quello che tutti gli italiani i quali leggono i giornali e guardano la televisione hanno avuto sotto gli occhi quotidianamente: una campagna di odio e di disprezzo contro Berlusconi che ha innescato una serie di reazioni a catena che hanno portato al gesto di Tartaglia, alla sua esaltazione su facebook da parte di migliaia di estremisti. Non vediamo perche' avremmo dovuto tacere su tutto questo nel dibattito parlamentare, mentre Berlusconi e' ancora in un letto di ospedale, con il volto ferito. Tacere tutto cio' sarebbe stato coprire quello che e' avvenuto, cosa che forse qualcuno avrebbe gradito", scrive Cicchitto in risposta all'editoriale del direttore di 'Repubblica', Ezio Mauro.

"Noi ci siamo limitati a questo e abbiamo anche indicato una via d'uscita - aggiunge Cicchitto - rivolgendoci a due forze politiche di opposizione, l'Udc e il Pd di Bersani, indicando quella che riteniamo l'unica via d'uscita possibile per ritornare ad una lotta politica normale: fine dell'uso politico della giustizia, una grande riforma istituzionale, la riforma della giustizia, il federalismo".

"Capiamo come dopo quello che e' accaduto c'e' chi ha la coscienza sporca - prosegue - ed e' alla ricerca di un alibi e quindi di un altro bersaglio. Nessuna intimidazione e anche nessun 'fuoco amico' ci chiudera' la bocca. D'altra parte, invece, avremo la massima disponibilita' e apertura verso chi avra' atteggiamenti costruttivi. Detto tutto questo, l'evocazione dell'attacco alla liberta' di stampa e' l'ennesima mistificazione: una catena editoriale sviluppa contro un leader politico, il suo partito, il suo governo una forsennata campagna di stampa, ma se qualcuno osa rispondere allora la medesima catena editoriale grida all'attentato alla liberta' di stampa. Sulla base di questa logica - conclude - 'Repubblica' ha licenza di attacco e coloro che sono oggetto di esso dovrebbero solo accettare, riverenti, insulti e scomuniche e poi ringraziare per l'onore ricevuto".

Ultimo aggiornamento ore 12:41


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark